iten

Artista

GAMEC
SUCC. 2005:

ABATE ALBERTO

2003
Ics
Ics
Nato a Roma nel 1948, dove vive e lavora. Pittore, dal 1978 ha esposto in diverse personali, in città  italiane ed è stato presente in numerose collettive anche all'estero. Sue opere sono conservate presso musei e collezioni pubbliche e private. Per il Giubileo dell'Anno 2000 ha predisposto i disegni per la medaglia dedicata al Dialogo Ecumenico.

ABONDIO ANTONIO "IL GIOVANE"

1773
Ics
Ics
Pittore, scultore, medaglista, nato nel 1538. Visse dapprima a Milano e in alta Italia. In seguito, raggiunse il padre in Boemia dove lavorò alla Corte di Massimiliano II. Successivamente fu alle dipendenze di Rodolfo II a Vienna. Nel 1582 fece ritorno a Praga in qualità  di incisore e pittore di Corte. Le sue medaglie sono databili tra il 1567 e il 1587 e sono dedicate anche a personaggi della corte, della nobiltà , della cultura. Morì poi a Vienna nel 1591. Anche il figlio Alessandro, nato dopo il 1580, fu incisore e medaglista alle Corti di Monaco di Baviera, di Vienna e di Praga.

ABONDIO ANTONIO o ALESSANDRO "IL VECCHIO"

1771
Ics
Ics
Attivo nella prima metà  del XVI secolo. Rinomato per i suoi modelli in cerca colorata, dal 1575 al 1584 fu al servizio del Duca Guglielmo V di Baviera e successivamente venne chiamato dall'imperatore Rodolfo II alla Corte di Praga. Tra l'altro, gli viene attribuita una medaglia con il ritratto di N. Madruzzo, generale di Carlo V, databile intorno al 1555.

ADAMI EGLE

1455
Ics
v
Nata a Cercola, in provincia di Napoli, il 20 luglio 1983. Ha frequentato i corsi di plastica ornamentale all’Accademia di Belle Arti di Napoli, sotto la guida di Vincenzo Dino Patroni. Ha presentato suoi lavori alla mostra di medaglie e placchette d’arte sul “Futurismo”, inaugurata a Napoli nel mese di giugno 2009.

ADANI CARMELA

1998
Ics
Ics
Nata a Modena il 7 novembre 1899. Si forma inizialmente sotto la guida di Amalia Duprè e in seguito all'Accademia di Belle Arti di Firenze. Autrice di ritratti, opere religiose. E' tra l'altro suo il modello per la medaglia emessa dalla città  di Correggio Emilia nel 1961, in onore di G. Garibaldi.

AFFER COSTANTINO

5390
v
Ics
Nato nel 1906 a Milano. Ha studiato alla Scuola Sociale Umanitaria e successivamente alla Scuola di Brera, alternando lo studio al lavoro. Incisore, scultore, ma soprattutto medaglista, ha esordito con una mostra personale nel 1940, ed ha partecipato ad importanti concorsi e manifestazioni in diverse città  italiane. Dal 1953 è stato presente a tutte le esposizioni nazionali ed internazionali di medaglie d'arte. E' stato per molti anni responsabile artistico nello Stabilimento Lorioli Fratelli di Milano. La sua produzione medaglistica, assai vasta, spazia dal campo sportivo a quello religioso, dal settore civile a quello militare e industriale, e comprende importanti committenze. Suoi sono i modelli della medaglia ufficiale per i VII Giochi Olimpici Invernali di Cortina d'Ampezzo. Ha eseguito busti e bassorilievi collocati in edifici e campi sportivi del Comune di Milano e grandi e piccole sculture per privati. Sue opere figurano in musei e collezioni private, fra cui il Museo di Oslo, il Museo di Sheffield, il Museo Aeronautico di Mosca. E' morto a Milano nel maggio del 1987.

AGNATI EMILIO

2323
Ics
Ics
Scultore nato nel luglio del 1876. E' stato allievo di Luigi Secchi all'Accademia di Brera. Autore di opere funerarie, busti, ritratti ha occasionalmente eseguito anche modelli per medaglie. Nella Galleria d'Arte Moderna di Milano sono conservate alcune sue opere. E' morto nel 1937.

AGOSTINO DE AUGUSTO

1693
Ics
Ics
Incisore attivo alla Zecca di Napoli nella prima metà  del secolo XVI, citato da Arturo G. Sambon nel suo studio sugli "Incisori dei conii della moneta napoletana". Morì nel 1528.

AGRESTA LUCIA

1811
Ics
Ics
Nata a Roma nel 1968, dove risiede. Dopo aver conseguito il Diploma d'Arte Applicata è stata allieva della Scuola dell'Arte della Medaglia dal 1988 al 1992. Ha realizzato modelli per medaglie fuse e coniate.

AGRIPPA GIOVANNI GUIDO

1629
Ics
Ics
Artista attivo a Venezia all'epoca del Doge Leonardo Loredan (1501-1521) del quale eseguì il ritratto su due medaglie probabilmente realizzate nel 1501. Sulla seconda, al rovescio, appare anche il ritratto del figlio del Doge, Bernardo Loredan. AIAM - Associazione Nel corso del 1963, su iniziativa del Prof. Francesco Giannone, è stata costituita in Italia una associazione aperta ad artisti, studiosi, collezionisti, editori ed appassionati della medaglia, allo scopo di diffonderne maggiormente la conoscenza e l'interesse. In quasi quarant'anni di attività , molteplici sono state le iniziative portate a compimento. Oltre a conferenze e pubblicazioni, di fondamentale importanza le periodiche mostre organizzate in Italia e all'estero: la più recente è stata la decima, tenutasi nel salone Sistino della Città  del Vaticano e conclusasi il 1 febbraio 1998. Ogni anno l'Associazione emette una medaglia ufficiale, i cui modelli sono realizzati da Soci artisti e le coniazioni curate dagli stabilimenti dei fabbricanti-soci dell'Associazione. Di recente l'associazione, che ha sede a Roma, ha trasferito il proprio recapito presso l'I.P.Z.S., in via Principe Umberto, 4.

AJMONE GIUSEPPE

1706
Ics
Ics
Nato a Carpignano Sesia nel 1923. Ha studiato pittura all'Accademia di Brera. Ha partecipato a tutte le principali collettive d'arte in Italia e all'estero ottenendovi premi e riconoscimenti. Ha tenuto anche diverse mostre personali. Occasionalmente ha realizzato modelli per medaglie. Sue opere si trovano in collezioni pubbliche e private.

AJOLFI ELIA

2025
Ics
Ics
Nato a Bergamo il 30 maggio 1916. A bottega, con il padre Francesco, modellatore e scultore, ha imparato a modellare. Ha frequentato poi a Firenze i corsi di scultura all'Accademia di Belle Arti dal 1936 al 1941. Espone per la prima volta nel 1943 a Napoli. In seguito ha partecipato a numerose e importanti rassegne, sia in Italia che all'estero. Ha accresciuto, la sua professionalità attraverso molteplici viaggi e determinanti esperienze culturali: a Parigi, a Londra, a Mosca e a New York, in Grecia, Germania, Spagna, Svizzera, Svezia, Danimarca. È stato direttore, «pro tempore», della Scuola dell'Accademia Carrara di Bergamo. Sono molto noti i suoi animali, a cui ha dedicato alcuni cicli scultorei, a partire dagli anni Sessanta. Ha eseguito con frequenza anche placchette e medaglie realizzando più di cinquanta modelli. Sue opere si trovano in Musei e Gallerie in Italia e all'estero. È morto a Bergamo nel 2001.

ALARI BONACOLSI PIER JACOPO

1636
Ics
Ics
Nato a Mantova intorno al 1450. Contemporaneo del Mantegna, con lui fu al servizio dei Gonzaga. Lavorò anche per Isabella d'Este. Autore di medaglie e di piccoli bronzi, il soprannome di "Antico" gli deriva dall'imitazione, in cui si era specializzato, di statuette della Magna Grecia. Tutte le sue medaglie si riferiscono a Gian Francesco Gonzaga, signore di Bozzolo, e ad Antonia del Balzo, sua moglie. Morì nel 1528.

ALBANI

1692
Ics
Ics
Scultore attivo tra la fine del XIX e i primi decenni del XX secolo. La sua firma compare tra l'altro su una medaglia ricordo dell'Adunata a Roma, nel 1934, dell'Associazione Nazionale Alpini.

ALBANO GIUSEPPE

2099
Ics
Ics
Nato a Putignano in provincia di Bari. Allievo prediletto dello scultore Trentacoste ha partecipato a importanti concorsi e mostre, tra cui la Biennale di Venezia. Oltre che come scultore è ricordato per la sua attività  di medaglista. Era presente alla prima Mostra della Medaglia a Roma nel 1938.

ALBERTI & C. - Stabilimento

1847
Ics
Ics
Iniziatore dell'attività  fu Angelo Alberti, nato a Milano sul finire dell'Ottocento. Dopo aver collaborato in aziende del settore, alla fine della prima guerra mondiale si mise in proprio, rilevando le attrezzature della ditta Donzelli e specializzandosi nel settore orafo, delle decorazioni ed onorificenze. Seguì poi la produzione di medaglie artistiche, effettuata nello stabilimento di via Nino Bixio a Milano. Dopo la morte di Angelo Alberti, avvenuta nel 1956, sono i suoi familiari che proseguono nella conduzione dell'Azienda che, trasformatasi in Società  per azioni, si è trasferita dapprima a Vimodrone, nella periferia milanese, e successivamente a Pognano, in provincia di Bergamo, dove è stata ulteriormente potenziata la presenza nel settore medaglistico.

ALBERTI ADRIANO

2384
v
Ics
Nato a Trieste nel 1919. In età  giovanile ha studiato e lavorato con Attilio Selva e Marcello Mascherini. Come scultore, ha iniziato ad esporre nel 1935 a Trieste e successivamente ha tenuto mostre a Parigi, Grenoble, New York, Los Angeles. Fu attivo come monumentalista, in Italia, nelle colonie italiane in Africa, e in Germania. Si dedicò saltuariamente anche alla medaglistica. E' morto nel 1981.

ALBERTI SERGIO

1810
Ics
Ics
E' nato a Pavia nel 1944. E' stato allievo, all'Accademia di Brera, di grandi maestri della scultura italiana, ed ha pure frequentato l'Ecole des Beaux Arts a Parigi. Diverse sono le mostre personali e collettive a cui ha partecipato. Ha realizzato grandi opere sia di soggetto religioso che laico. Ha realizzato anche modelli per medaglie.

ALBERTI TRISTANO

1761
Ics
Ics
Nato nel 1915 a Trieste. Ha frequentato l'Istituto Magistrale Superiore. In arte, autodidatta. Ha insegnato all'Istituto d'Arte di Trieste ed ai corsi dell'Università  Popolare. Ha esposto tra l'altro alle Quadriennali Roma, alle Biennali del Bronzetto di Padova. Ha partecipato anche a mostre in Francia, Austria, Australia, America. Oltre che nella scultura e nella pittura fu attivo nella medaglistica. E' morto a Trieste nel 1976.

ALCAINI FILIPPO

2259
v
Ics
Nato a Dossena, in provincia di Bergamo, nel 1946. Autodidatta, sin da piccolo inizia a dipingere, per poi frequentare con profitto i corsi di decorazione alla scuola d'arte A. Fantoni. Per quattro anni lavora a Bergamo con Francesco Salvi, noto artigiano decoratore, restauratore. Nel 1967 partecipa ai restauri delle chiese monolitiche di Lalibela in Etiopia, collabora in seguito alla decorazione della moschea di Shabbi a Bengasi. Dal 1970 insegna plastica alla scuola d'arte A. Fantoni di Bergamo ed esegue anche modelli per medaglie. Sue opere sono in pubbliche collezioni e in raccolte private in Italia e all'estero. E' morto nel 1986.

ALCAINI MARCO

1847
Ics
Ics
Citato da Piero Voltolina come incisore attivo alla Zecca a Venezia dal 1746 al 1778. Eseguì tra l'altro disegni e conii per varie oselle del Doge Pietro Grimani e per alcune medaglie.

ALFIERI EDOARDO

1650
Ics
Ics
Nato a Foggia nel 1913. Ha frequentato i Licei artistici di Napoli, Bologna e Genova, passando quindi all'Accademia di Brera di Milano, nella quale ha terminato regolarmente gli studi. Ha soggiornato per lungo tempo anche a Firenze e si è stabilito poi definitivamente a Genova. Ha partecipato a mostre nazionali e internazionali, dalle Quadriennali di Roma alle Biennali di Venezia. Sue opere sono in gallerie pubbliche e private, ha vinto alcuni importanti premi. Ha eseguito anche modelli per medaglie.

ALFONSI A.

1613
Ics
Ics
Questa firma appare su una medaglia del 1923 che commemora il primo Congresso parmense dei Sindacati Fascisti, tenutosi nell'ottobre di quell'anno.

ALGARDI ALESSANDRO

1691
Ics
Ics
Scultore e architetto attivo nella prima metà  del XVII secolo, nato a Bologna nel 1593, morto a Roma nel 1654. Dopo aver studiato disegno a Bologna fu chiamato a Roma dove eseguì lavori di architettura e scultura. Fu nominato Cavaliere da Papa Innocenzo X. Citato dal Forrer per aver ispirato con la sua arte e i suoi bassorilievi i medaglisti contemporanei.

ALIDORI CESARE

1725
Ics
Ics
Nato a S. Ginesio in provincia di Macerata nel 1941, si è trasferito da giovanissimo a Firenze dove risiede tutt'ora. Tra le sue opere di maggiore rilievo si evidenziano: una serie di 27 medaglie fuse dedicate alle Dimore dei Medici in Toscana, inoltre alcune "Via Crucis" di cui una a Firenze, una a Roma e una a Montespertoli. Da ricordare ancora una serie di 60 medaglie dedicate ai Pontefici dal 1400 al 2000 e 108 medaglie unifaci, che raffigurano i canti della Divina Commedia.

ALIVERTI DORA

1868
Ics
Ics
E' nata nel 1965 a Varese, dove si è diplomata al Liceo Artistico A.Frattini. In seguito frequenta e si diploma all'Accademia di Brera in scenografia nel 1988. Oltre a lavorare in questo settore, ha seguito con passione la pittura e la scultura. Si è dedicata anche alla progettazione e alla realizzazione di monete e medaglie. Ha partecipato a mostre collettive e personali. Risiede a Venegono Inferiore, in provincia di Varese.

ALVIANI GETULIO

1163
Ics
v
Nato a Udine nel 1939. Esponente del gruppo Nuove Tendenze, a partire dagli anni sessanta aderisce all’invito della progettazione orafa, da parte della casa Fumanti, con la quale collabora a lungo. Ha esposto di frequente in mostre nazionali e internazionali. Ha firmato, tra l’altro, la medaglia per il centenario di Confindustria Bergamo, nel 2007.

ALVISE (Maestro)

1651
Ics
Ics
Orafo e medaglista padovano, noto anche come autore di statuette in bronzo, che alcuni studiosi hanno creduto di identificare in Alvise Rizzardi. Di lui ci è pervenuto solo un rilievo in argento per una coperta di un Evageliario conservato nel Tesoro del Duomo di Padova. Influenzato soprattutto da Tullio Lombardo, fu attivo nella prima metà  del XVI secolo e gli sono state attribuite diverse placchette.

AMADIO DA MILANO

1721
Ics
Ics
Figlio di Antonio da Castronago, nel milanese, non si conosce la sua data di nascita che si può comunque collocare nei primi anni del Quattrocento. Incisore di sigilli, medaglista e orafo, lavorò alla corte di Ferrara dal 1437 al 1482 per Leonello e Borso d'Este. Morì probabilmente nel 1483 o poco dopo. Due dei suoi cinque figli: Piero e Giovan Battista continuarono nell'attività  di orefici, nella seconda metà  del secolo.

AMBROGI DOMENICO

1593
Ics
Ics
Citato da P. Voltolina nella "Storia di Venezia attraverso le medaglie". Nato a Bologna intorno al 1600, detto anche Menghino o Menichino del Brizio. Fu pittore, disegnatore e incisore, attivo soprattutto a Bologna ma anche a Ravenna Ferrara e dintorni. Di lui si conosce, tra gli altri, un medaglione con l'effigie di T. Tasso. Morì a Bologna dopo il 1678.

AMBROGIO DA CLIVATE

1760
Ics
Ics
Operò alla Zecca di Milano. E' l'autore dei conii del doppio ducato di Galeazzo Maria Sforza nel 1469 e del grosso, con S. Ambrogio a cavallo, del 1474. Era figlio di Maffeo, anch'egli noto incisore alla Zecca milanese.

AMBROSIONI ADRIANO

1702
Ics
Ics
Nato a Bologna il 2 giugno 1920. Ha studiato presso l'Istituto di Belle Arti di Parma, ed ha successivamente frequentato l'Accademia di Belle Arti di Bologna e l'Accademia di Brera e Milano. Nell'ambito della sua attività  di pittore e scultore, ha anche realizzato diversi modelli per medaglie. Si ricorda ancora la sua partecipazione a mostre in Italia e all'estero. Sue opere sono presso collezioni pubbliche e private.

AMELIO SALVATORE

1667
Ics
Ics
Artista citato nel volume "Banche e Medaglie - Gli Anniversari" quale autore dei modelli della medaglia commemorativa della Cassa di Risparmio di Cento (Ferrara) per il 130° Anno di fondazione, edita nel 1989. Nato a Zagarise (Catanzaro) si è poi trasferito a Cento, dove vive e lavora. Ha compiuto gli studi presso l'Accademia di Belle Arti di Bologna.

ANDERLINI CELSO

1604
Ics
Ics
La sua firma figura su una medaglia che ricorda, nel 1975, il trentesimo anniversario della Liberazione. La coniazione è stata curata dal Circolo Filatelico Numismatico "G.Piani" di Imola.

ANDERVOLTI LEONARDO

1560
Ics
Ics
Nacque a Gaio, in comune di Spilimbergo nel 1805. Dopo aver frequentato le scuole a Portogruaro, frequentò l'Accademia di Belle Arti di Venezia. Nel 1848 partecipò alla insurrezione contro l'Austria. Fu uno dei difensori del forte di Osoppo. Durante l'assedio della città , memore degli insegnamenti ricevuti in Accademia, fuse due medaglie, con il piombo dei proiettili nemici. Non risulta si sia ulteriormente dedicato alla medaglistica. Morì nel 1867.

ANDREOSE DANILO

1696
Ics
Ics
Nato il 9 agosto 1922 ad Agna, in provincia di Padova. Ha incominciato a studiare alla Scuola d'Arte di Padova e in seguito ha frequentato l'Accademia di Belle Arti di Venezia. Ha partecipato ad importanti rassegne sia in Italia che all'estero. Tra l'altro, suoi modelli per medaglie sono stati esposti in diverse edizioni della Mostra Internazionale della Medaglia e della Placchetta d'Arte di Arezzo.

ANDREOTTI LIBERO

1647
Ics
Ics
Nato a Pescia (Pistoia) nel 1875. Non fece studi regolari e coltivò fin da ragazzo un grande amore per le lettere e il disegno. Grazie all'aiuto di Alberto Grubicy, gli fu possibile dedicarsi alla scultura. Nel 1905 si trasferì a Parigi dove nel 1911 tenne la sua prima personale. Tornato a Firenze nel 1914, dopo il servizio militare, venne nominato professore dell'Istituto d'Arte. Fu autore di molti monumenti, e sue opere sono conservate in numerose Gallerie d'Arte italiane e straniere. Va ricordato anche per le sue attività  di illustratore, ceramista e medaglista. E' morto a Firenze nell'aprile del 1933.

ANGELI GIOVANNI

1611
Ics
Ics
Citato dal Forrer come incisore di monete alla Zecca di Bologna, di cui fu anche "zecchiere" dal 1590 al 1592.

ANGELINI GUIDO

1793
Ics
Ics
Nato a Rimini, ha studiato a Bologna allievo dell'orafo Remo Lucca. Emigrò in seguito in Libia, ed a Tripoli fu, prima assistente e poi Direttore della locale Scuola per orafi e argentieri. In quel periodo oltre a lavori tipici dell'oreficeria, eseguì ceselli e piccole statuette in vari materiali. Dopo la fine della seconda guerra mondiale è ritornato a Rimini, dove ha continuato la sua attività , incidendo e modellando anche un discreto numero di medaglie. Anche il figlio Silvano ha seguito le orme paterne per quanto riguarda l'incisione.

ANGELINI SANDRO

2362
v
Ics
E' nato a Bergamo il 23 marzo 1915. Compiuti gli studi classici, ha frequentato la Facoltà  di Architettura del Politecnico di Milano laureandosi nel 1940 e, tra il 1935 e il 1940, si è dedicato alla incisione e alla scenografia. Dal dopoguerra esercita la professione di architetto. Ha compiuto missioni di restauro di complessi monumentali ed indagini sul patrimonio culturale in Africa, Asia, Isola di Pasqua, America Centrale per l'Unesco, Ismeo, International Fund for Monuments di Washington. E' autore di libri di storia locale, educazione artistica, storia dell'arte. Nell'ambito della sua multiforme attività , dal 1970, riprendendo esperienze giovanili, si è dedicato alla scultura ed ha avuto, tra l'altro, occasione di eseguire alcuni progetti e modelli per medaglie e placchette. E' morto nel 2000 a Bergamo.

ANGERAME OMERO

1887
Ics
Ics
Ha frequentato i corsi di modellazione alla Scuola dell'Arte della Medaglia di Roma. Sue opere sono state presentate in rassegne di medaglistica: in particolare alla mostra della Zecca italiana, tenutasi a Roma nel 1980.

ANGHEBEN R.

1162
Ics
v
Scultore attivo nella prima metà del XX secolo. D’origine trentina, la sua firma tra l’altro, figura su una medaglia coniata per conto della ditta Janesich di Trieste nel 1933, in occasione del varo della Regia Nave Fiume. Al diritto figura una divinità marina bifronte con al fianco un’ala e un tridente, al rovescio l’emblema e il motto della città istriana.

ANGOLETTA BRUNO

1541
Ics
Ics
Nato a Belluno nel 1880. Ha studiato legge a Padova. Autodidatta in arte. E' stato, all'inizio, illustratore, poi anche pittore e scenografo. Ha partecipato ad esposizioni in Italia e all'estero. La sua firma figura su medaglie, che si riferiscono in particolare alle adunate dell'Associazione Nazionale Alpini. E' morto a Milano nel 1954.

ANIBALDI LICIA

1798
Ics
Ics
Nata il 22 maggio 1938 e residente a Udine. Ha presentato alcune medaglie fuse alla Triennale della Medaglia d'Arte di Udine nel 1981.

ANNIGONI PIETRO

2409
v
Ics
Nato a Milano il 7 giugno 1910. Pittore di risonanza internazionale, ha studiato a Firenze, allievo, presso l'Accademia di Belle Arti, di Carena e Graziosi. La sua prima personale è del 1932. Nel 1947 ha firmato il manifesto dei "Pittori moderni della realtà ". Dal 1949 ha svolto un'intensa attività  in Inghilterra e negli Stati Uniti, ha eseguito il celebre ritratto della Regina Elisabetta (1955) ed in seguito di molti altri noti personaggi di fama mondiale. Molte sue opere si trovano in collezioni pubbliche e private. Sue mostre personali sono state allestite a Firenze, Milano, Londra, Parigi, New York e in vari altri centri in Italia e all'estero. Nell'ultimo periodo della sua attività , sono presenti anche modelli per medaglie. E' morto a Firenze nel 1988.

ANTEO

1728
Ics
Ics
Medaglista attivo nella seconda metà  del XVI secolo, da non confondere con "Anteo intarsiatore" di Mantova, attivo nello stesso periodo. La sua firma figura su medaglie con il ritratto del governatore Luis Zuniga. Sembra abbia lavorato a Milano, Torino e Monaco di Baviera.

ANTONELLI G.

1560
Ics
Ics
Segnalato nello studio di G. Casolari " 25 Anni di Storia 1922-1945" quale autore della medaglia che i ferrovieri del Compartimento di Bologna offrirono a S.E. Edoardo Torre nel 1923. Al diritto figura una veduta di Piazza Maggiore e la statua equestre di Vittorio Emanuele II.

ANTONELLO DELLA MONETA

1685
Ics
Ics
Antonello di Pietro detto Antonello della Moneta o Antonello Grifo, fu orafo e incisore alla Zecca di Venezia, circa dal 1454 al 1484. Nella sua attività  sembra fosse coadiuvato dai figli. In particolare Silvestro Grifo è citato dal Ravegnani come maestro di zecca e incisore circa dal 1483 al 1503, e dal Papadopoli come inventore di una speciale lega per le monete d'argento.

ANTONINI SARA

1686
Ics
Ics
Nata a Novara il 30 giugno 1973. Ha conseguito la Maturità  Artistica a Roma nel 1993. Ha frequentato la Scuola dell'Arte della Medaglia dal 1994 al 1997. Suoi lavori fanno parte della collezione d'Arte della Scuola suddetta e sono stati presentati in mostre di settore.

ANTONIO DA BRESCIA

1685
Ics
Ics
Fra Antonio da Brescia risulta attivo tra la fine del XV secolo e l'inizio del XVI. Non si hanno notizie precise della sua vita. Dalle sue medaglie si può pensare che abbia lavorato a Padova, Treviso, Verona e Venezia.
iten

Medaglisti e Incisori