iten

Artista

GAMEC
SUCC. 2005:

ANTONIO VICENTINO

1422
Ics
Ics
Medaglista che lavorò intorno alla seconda metà  del XVI secolo. Conosciuto come l'autore della medaglia di Ascanio Gabuccio da Fano.

APICELLA MARIA GRAZIA

1563
Ics
Ics
Nata a Salerno il 16 aprile 1970. Ha frequentato corsi di orificeria ed in seguito la Scuola dell'Arte della Medaglia di Roma. E' autrice di medaglie fuse e coniate; tra queste ultime citiamo quelle che ricordano nel 1997 l'incontro di Papa Giovanni Paolo II a Parigi con i giovani di 150 paesi. Ha partecipato ad esposizioni di settore tra cui la 7a Triennale della Medaglia di Udine e la 10a Mostra dell'AIAM a Roma. Vive e lavora a Roma.

APOLLONI ADOLFO

1402
Ics
Ics
Nato a Roma nel 1855. Laureato in ingegneria si indirizzò poi all'arte, studiando all'Accademia di S. Luca a Roma. Nel 1879 partì per gli Stati Uniti dove insegnò dapprima a Boston, per poi trasferirsi a Providence dove aprì uno studio di scultura. Ritornò quindi in Italia nel 1885; nel 1914-15 e nel 1919-20 fu presidente dell'Accademia di S. Luca. Fu anche Sindaco di Roma. Ha esposto con successo in Italia e all'estero. Ha preparato alcuni modelli per medaglie. E' morto a Roma nel 1923.

APPIANI ANDREA

1258
Ics
Ics
Nato nel 1759 a Milano dove morì nel dicembre 1817. Autore di opere significative per chiese e palazzi lombardi divenne dal 1796, con l'arrivo di Bonaparte in Italia, il pittore ufficiale dell'epoca napoleonica: fu nominato Primo Pittore di Corte nel 1805 ed in seguito ottenne le più alte onorificenze del Regno. Da ricordare in particolare il suo impegno come disegnatore ed ispiratore di medaglie, che furono incise nell'acciaio principalmente da Luigi Manfredini.

AQUILI FABIO

1165
Ics
Ics
Artista segnalato per una medaglia eseguita nel 1598. Era forse un discendente della famiglia romana di pittori, gli Aquili, attivi a Roma e nel Lazio nella seconda metà  del XV e nel XVI secolo.

ARCONE MARIO

1060
Ics
Ics
Allievo di Alessandro Cesati, citato dal Forrer come Arco Marco. Nato a Siena, fu orefice e medaglista: la data di nascita non è nota. Si conoscono di lui due medaglie, la prima delle quali, del 1560. Nel primo semestre del 1572 figura ancora a Roma fra i maestri orefici; nel 1575 risulta defunto.

ARDENTI AGOSTINO

1061
Ics
Ics
Medaglista e modellatore in cera, attivo nella seconda metà  del 1500 a Reggio Emilia. Sembra abbia lavorato insieme con A. Ruspagiari e G. A. Signoretti. Dalla dicitura che compare sulla medaglia con il suo autoritratto, risulterebbe di origine fiorentina. Alcuni studiosi segnalano la presenza, negli anni dal 1572 al 1595, di un altro medaglista, il pittore Alessandro Ardenti, che operò in Piemonte, ipotizzando anche che i due artisti potessero essere fratelli.

ARDIGà’ PIERPAOLO

1181
Ics
Ics
Nato a Roma nel 1969. E' stato allievo della Scuola dell'Arte della Medaglia di Roma dal 1988 al 1992. Anche ritoccatore di fusioni e cesellatore, sue opere sono state presentate in mostre di settore.

ARGENTERIO BARTOLOMEO

1355
Ics
Ics
D'origine torinese, orafo, incisore e medaglista lavorò a Roma circa dal 1580 al 1584 per il Pontefice Gregorio XIII. Ricoprì anche la carica di sovrintendente alla Zecca papale come successore di Vittorio Terni piemontese. Morì prima del 1591.

ARICà’ GIANNI

1768
v
Ics
Nato nel 1941, laureato in architettura, nel 1969 inizia la sua attività  di scultore, realizzando per la Chiesa di S. Marco, a Mestre, un grande altorilievo absidale. Tra i suoi lavori successivi figurano fontane, crocefissi, portali, cancelli, tabernacoli, amboni, gruppi di statue monumentali. Sue opere figurano in collezioni private e musei d'Italia, Francia, Germania, Belgio, Inghilterra, Stati Uniti, Canada e Ungheria. Di rilievo anche la sua attività  espositiva. Spesso si è dedicato anche alla modellazione di medaglie sia coniate che fuse. Vive e lavora a Venezia.

ARMENTI MARIO

1588
Ics
v
Nato ad Alessandria il 21 marzo del 1940. Nel 1959 frequenta il corso di perfezionamento per incassatori presso l'Istituto Professionale per l’Industria e l’Artigianato “B. Cellini” di Valenza. Trasferitosi a Roma frequenta, avendo superato il concorso di ammissione per l’anno 1964-65, la Scuola dell’Arte della Medaglia presso la Zecca, ottenendo anche una borsa di studio di perfezionamento. Sue opere figurano in alcune mostre dedicate alla medaglistica.

ARNAUD LUIGI

1254
Ics
Ics
Scultore e medaglista d'origine francese. Nato nel 1817, lavorò a Napoli, presso la Zecca, unitamente a V. Catenacci, R. Vernucci e altri. Professore all'Istituto di Belle Arti di Napoli, ha anche eseguito ritratti della Famiglia Reale. E' morto nel 1872.

ARNAUD TOMMASO

1120
Ics
Ics
Scultore nato a Gaeta in provincia di Napoli nel 1800. Autore di opere di gusto tardo neoclassico, a Napoli partecipò tra l'altro alla decorazione dello scalone di Palazzo Reale. Inoltre diresse il gabinetto d'incisione della Zecca napoletana. Il suo nome figura unitamente a quello del nipote Luigi, in particolare su una medaglia di Pio IX, del 1849, durante il suo soggiorno, in esilio, a Gaeta. E' morto nel 1860.

AROSIO ANTONIO

1141
Ics
Ics
Nato a Monza in provincia di Milano il 4 ottobre 1911. Ha studiato all'Istituto Superiore di Arti Decorative di Monza. Ha partecipato a numerose esposizioni : in particolare come medaglista era presente alla seconda Mostra Nazionale d'Arte Sportiva che si svolse a Roma nel 1940, ottenendo una menzione speciale dalla giuria.

ARSENIO

1048
Ics
Ics
Medaglista, attivo verso la metà  del XVI secolo, che così si firmava e di cui non si conosce il vero nome. Di lui restano due medaglie dedicate rispettivamente a G. Bressani e A. Navagero, Podestà  di Bergamo nel 1564.

ASNAGHI EZIO

1142
Ics
Ics
Scultore e cesellatore milanese del XX secolo. Attivo soprattutto nel settore orafo-argentiero. Ha creato anche un considerevole numero di modelli per medaglie. E' morto verso la metà  degli anni '80.

ASSENZA ENZO

1132
Ics
Ics
Siciliano, nato a Pozzallo in provincia di Ragusa nel 1915. Cresciuto in una famiglia di artisti — il padre Giorgio era un decoratore, i fratelli Beppe e Valente, pittori — si trasferì nel 1932 a Roma. Autodidatta, scolpì sia la pietra che il marmo e fu anche pittore e incisore. Buon ritrattista, per qualche tempo fu nello studio di Pietro Canonica e svolse poi un'intensa attività  che lo portò spesso anche fuori dei confini nazionali. Ha modellato anche alcune medaglie. E' morto a Roma nel 1981.

ASTESANO ALESSANDRO

1098
Ics
Ics
Incisore piemontese al servizio dei Savoia dal 1599 al 1628. Lavorò anche alla Zecca pontificia di Roma. Incise tra l'altro la medaglia dell'anno IX di pontificato di Urbano VIII che al rovescio raffigurava le nuove fortificazioni del porto di Civitavecchia (1632). Anche il nipote Antonio, che lavorò nella seconda metà  del ‘600, fu abile incisore di sigilli pontifici.

ASTESANO ORAZIO

1411
Ics
Ics
Incisore d'origine piemontese che fu attivo alla Zecca di Roma sul finire del XVI secolo. Realizzò anche conii per monete e medaglie per i Savoia alla Zecca di Torino, dove lavorò nel 1610, al tempo di Carlo Emanuele I.

ATTARDI UGO

2105
v
v
Nato a Sori in provincia di Genova nel 1923. Con la famiglia, di origine siciliana, si sposta a Palermo dove compie gli studi. Dopo il Liceo Artistico frequenta il corso di pittura all'Accademia di Belle Arti e si iscrive alla facoltà di architettura. Dopo la guerra si stabilisce a Roma. Svolge l'attività di pittore e di scultore con la stessa intensità . Scrittore, ha collaborato con la redazione della rivista "Città Aperta". E' stato anche in Somalia, dove ha eseguito un'opera pubblica per il governo. Occasionalmente ha realizzato modelli per medaglie: da ricordare quelli per il bicentenario Manzoniano del 1985 e per i Campionati Europei di Atletica di Roma. Muore nel 2006.

AUDAGNA VIRGILIO

1605
Ics
Ics
Nato nel febbraio del 1903 a Cannes, in Francia, dove il padre, con la famiglia, si era temporaneamente trasferito per motivi di lavoro. Ritornato in Italia, compie gli studi artistici e frequenta l'Accademia di Belle Arti di Torino. Nel corso della sua carriera artistica, ha realizzato sia grandi monumenti che opere di piccolo formato. Attivo non solo in Italia ma anche all'estero, dove ha spesso soggiornato, ha avuto modo di eseguire anche modelli per medaglie, di soggetto sacro e profano, per commemorare numerosi avvenimenti. Oltre che scultore è stato disegnatore e pittore. E' morto a Torino nel 1994.

AUGUSTELLO GIAN MARIA

1170
Ics
Ics
Medaglista attivo nella seconda metà  del XVI secolo, autore di una medaglia per Carlo Emanuele I di Savoia (1562-1630), conservata nelle Civiche Raccolte Numismatiche del Comune di Milano.

AUTERI MARAZZANI

913
Ics
v
Scultore attivo nella prima metà nel '900. Era presenta nella sezione medaglie della “Exposition de la gravure et de la medaille italienne contemporaine” a Parigi – Biblioteque Nationale, nel novembre 1930. E' citato, nel catalogo allora predisposto, dal noto critico U. Ojetti.

AVANZI D.H.

1150
Ics
Ics
Medaglista che lavorò nell'ultimo periodo del XVI secolo; è nota di lui solo una medaglia per l'anno IV di Papa Sisto V, firmata D.H.AIANZ. Secondo il Patrignani si tratterebbe di Domenico Girolamo Avanzi di Napoli.

AVANZINELLI RENATO

1431
Ics
v
Nato a Lucca nel 1908, ha vissuto per un discreto periodo si tempo a Caprino Bergamasco (BG). Pittore e scultore citato nel dizionario di A.M. Bessoni Aurelj. Ha, tra l'altro, esposto in parecchie mostre, tra cui quella d'Arte Sacra del 1930, alla Quadriennale d'Arte Nazionale nel 1939 e in particolare ai Premi San Remo del 1939, in cui si distinse nella sezione bassorilievi, presentando modelli per targhe e medaglie.

AVERULINO ANTONIO detto "FILARETE"

1189
Ics
Ics
Architetto, scultore, medaglista, nato a Firenze intorno al 1400. Collaborò probabilmente con il Ghiberti alla sua prima porta di bronzo del Battistero di Firenze. Dal 1443 al 1445 fu a Roma. Dopo aver soggiornato in altre città  nel 1451 fu chiamato a Milano da Francesco Sforza e ivi lavorò soprattutto come architetto. Tornato a Roma, morì nel 1469. Si conosce del Filerete una sola medaglia, di sicura attribuzione.

AVETA VINCENZO

1172
Ics
Ics
Incisore che lavorò a Napoli a cavallo tra il XVIII e il XIX secolo, autore tra l'altro di una medaglia destinata a premiare le arti nel Regno di Napoli (1802). Alcuni conii risultano al nome di Ingazio Aveta, attivo dal 1754 al 1763, sempre a Napoli.

AYRES TOMMASO

912
Ics
v
Nello studio di Serafina Pennestri “Memorie di Torino” viene indicato tra gli incisori attivi a Torino nella seconda metà dell’ottocento, ed autore, tra l’altro, della medaglia per la seconda Fiera Torinese del 1869 riproducente, al diritto, il busto di Gianduja.

AZUMA KENGIRO

880
Ics
v
E’ nato nel 1926 a Yamagata, in Giappone. Conclusa la seconda guerra mondiale, dal 1949 frequenta la sezione di scultura dell’Università d’Arte di Tokyo, laureandosi nel 1953. Nei successivi due anni frequenta un corso di Master ed è assistente della stessa Università fino al 1956. Nel 1956, ottenuta una borsa di studio dal governo Italiano, si trasferisce in Italia e frequenta la scuola di Marino Marini all’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano, ove si diploma nel 1960. Diventa assistente personale di Marino Marini fino al 1979. Membro del Comitato Scientifico della Fondazione Marino Marini dal 1983 al 2001. Docente alla Nuova Accademia di Belle Arti di Milano dal 1980 al 1990, ed a Salzburg nel 1986. Nel 1993 è stato nominato accademico di San Luca a Roma. Vive e lavora a Milano. Artista di indiscusso valore, ha ricevuto significativi riconoscimenti e partecipato a mostre internazionali di alto livello. Sue opere si trovano in collezioni private e pubbliche nel mondo. La sua firma figura anche su alcune medaglie.

AZZARA MASSIMO

1188
Ics
Ics
Medaglista attivo nella seconda metà  del XX secolo e residente a Ostia Lido (Roma) Ha esposto in mostre organizzate dall'AIAM ed è, tra l'altro, l'autore di una medaglia per il centenario della morte di G. Garibaldi, coniata nel 1982.

BABETTO GIAMPAOLO

928
Ics
v
E’ nato a Padova nel 1947. Per lunghi anni docente all’Istituto d’Arte Pietro Selvatico di Padova, s’è dedicato all’arte orafa, conseguendo esiti di notevole spessore. Infatti, a partire dal 1980, ha insegnato in alcune delle più prestigiose istituzioni che si occupano del gioiello, della sua progettazione e realizzazione, non solo in Italia ma anche all’estero. Numerose le mostre personali e collettive. Sue opere sono conservate ed esposte nelle sezioni dedicate ai gioielli in alcuni importanti musei europei ed americani. Nel 2004, su invito dell’Amministrazione comunale di Arquà Petrarca, ha realizzato una medaglia commemorativa per il 700° anniversario della nascita di Francesco Petrarca, con tecniche e modalità innovative. Vive e lavora ad Arquà Petrarca.

BABINI ENZO

1110
Ics
Ics
Nato a Cotignola in provincia di Ravenna il 20 marzo 1946. Dopo aver frequentato la Scuola d'Arte e Mestieri di Cotignola ha completato gli studi artistici all'Istituto Statale d'Arte di Faenza. E' stato docente presso gli Istituti d'Arte di Oristano, Siena e Faenza. Dal 1970 ha svolto anche un'intensa attività  espositiva in Italia e all'estero. Ha realizzato modelli per medaglie, in particolare per il Centro Dantesco di Ravenna. Vive e lavora a Cotignola.

BACCILIERI VENANZIO

1204
Ics
Ics
Nato a Galliera in provincia di Bologna nel 1909 si formò inizialmente come intagliatore in legno nella bottega di F.Rossi. Si diplomò quindi in scultura all'Accademia di Bologna nel 1937. Autore di busti, ritratti, monumenti funerari, tra i quali ricordiamo il monumento ai partigiani di S. Vincenzo di Galliera. La sua firma appare anche su medaglie. E' morto nel 1984.

BADII CARLO

1171
Ics
Ics
Nato il 5 novembre 1943 a Capolona (Arezzo). Diplomato Maestro d'Arte presso l'Istituto d'Arte di Arezzo. E' stato insegnante di orificeria, incisione e cesello presso l'Istituto Margaritone di Arezzo. Ha partecipato a varie mostre di oreficeria, di medaglistica e di scultura. Residente in Arezzo.

BADII LIBERO

1083
Ics
Ics
Nato ad Arezzo nel 1916. Trasferitosi in Argentina, studiò con Carlos de La Carcova e Josà© Fioravanti. Iniziò la sua carriera come scultore ed in seguito passò alla pittura e alla medaglistica. Le sue opere, sono di tipo astratto, e si trovano anche in collezioni pubbliche e private.

BADINO LEANDRO

1076
Ics
Ics
Citato da A.Bertolotti in "Artisti Subalpini in Roma", come "medagliaro" di origine novarese, attivo nella prima metà  del 1600.

BAFFO BATTISTA

1188
Ics
Ics
Orafo e medaglista vissuto intorno alla metà  del XVI secolo. Lavorò alla Zecca di Venezia fino al 1540 circa, quando al suo posto subentrò Andrea Spinelli.

BAGLIONI UMBERTO

1425
Ics
Ics
Scultore nato a Scalea di Torino nel 1893, ha fatto i suoi studi artistici presso l'Accademia Albertina, sotto la guida di E. Rubino. Si è dedicato in particolare alla ritrattistica. Dopo aver insegnato per alcuni anni nell'Accademia di Belle Arti a Venezia, è stato titolare di scultura all'Accademia di Torino. E' intervenuto nelle principali esposizioni ed è rappresentato in diverse pubbliche Gallerie. Di lui si hanno anche medaglie. E' morto a Torino nel 1965.

BAGOLINI SILVIO

2053
v
Ics
Nato a Bologna nel 1914. Scultore, medaglista, attore cinematografico. Ha studiato al Liceo Artistico dì Bologna e alla Scuola di Scenografia del Centro di Cinematografia, a Roma, città  dove sì è poi trasferito. Autore di varie sculture tra cui i ritratti di noti attori, ha modellato anche alcune medaglie. Ha partecipato ad esposizioni nazionali ed internazionali di medaglistica. E' morto a Roma, nel 1982.

BAIARDI MARIO

2876
v
v
Nato a Valenza Po (Alessandria) nel 1909. Dopo una brillante carriera, durante gli anni sessanta è stato capo incisore della Banca d'Italia: sua l'incisione di vari biglietti di carta moneta di quel periodo, tra cui quello da lire 10.000. Ha insegnato incisione alla Scuola d'Arte della Medaglia presso la Zecca. Ha partecipato a varie esposizioni in patria ed all'estero. Autore tra l'altro, del monumento agli Eroi di Castilla a Buenos Aires e del busto di S. Martin, per il Banco Centrale della stessa città . Ha realizzato diverse medaglie, tra cui quella con il ritratto del Governatore della Banca d'Italia D. Menichella. Muore a Roma nel 1972.

BALDASSARRE D'ESTE

1552
Ics
Ics
Nato a Reggio Emilia, figlio naturale del marchese Niccolò III d'Este, intorno al 1440. Pittore e medaglista, lavorò a Milano, Ferrara, Reggio Emilia. Di lui sono rimaste due medaglie firmate e dedicate al duca di Ferrara Ercole I. Morì all'incirca nel 1506.

BALDASSI ARNALDO

1325
Ics
Ics
Nato a Buia in provincia di Udine il 10 settembre 1929, fratello minore di Giuseppe. Si è dedicato per lungo tempo come autodidatta alla pittura, seguendo poi un corso triennale di disegno che gli ha permesso di affinare e completare le sue capacità  artistiche. A partire dagli anni novanta si è dedicato anche alla medaglistica. Era presente tra l'altro alla Triennale di Udine del 1999.

BALDASSI GIUSEPPE

1397
Ics
Ics
Nato a Buja (Udine) nel 1918. Completati gli studi elementari, è avviato al lavoro alle fornaci, secondo la tradizione del paese. Durante la seconda guerra mondiale, dopo aver combattuto in Albania e in Grecia, finisce prigioniero in Germania. Al rientro in Italia, si iscrive a una scuola serale di scultura. Conclusi tali studi, si specializza nella fotografia, finchà© nel 1975 rientra a Buja e si dedica alle attività  artistiche, in precedenza mai compiutamente assecondate. In tale prospettiva s'inquadra la sua attività  come medaglista.

BALDESSARI MAURO

2074
v
Ics
Nato a Rovereto il 21 luglio 1942. Si è diplomato alla Scuola di Incisione di Trento. Ha insegnato alla Scuola d'Arte di Milano e alla Scuola d'Arte dell'Africa Centrale (Burundi). Oltre che alla scultura si è dedicato in modo particolare alla medaglistica nella quale si è specializzato, realizzando soprattutto modelli per la ditta milanese D. Colombo. Da ricordare in particolare la medaglia ufficiale eseguita per l'anno VII di pontificato di Giovanni Paolo II e più recentemente quella commemorativa per l'Anno Santo del 2000. Ha partecipato a numerose mostre nazionali ed internazionali. Vive e lavora a Milano.

BALDI MINO

1305
Ics
Ics
La sua firma figura su una medaglia emessa nel 1999 a ricordo del 750° Anniversario della morte di San Contardo d'Este, che morì a Broni, in provincia di Pavia, nel 1249.

BALDINI U.

1169
Ics
Ics
Attivo all'inizio del novecento. Una sua medaglia dedicata alle Provincie d'Abruzzo (Chieti, l'Aquila e Teramo) figura tra i pezzi esposti dalla Zecca Italiana alla Mostra di Palazzo Braschi, nel 1980.

BALDO DA URBINO

1181
Ics
Ics
Incisore e zecchiere a Massa per i Duchi Cybo-Malaspina a partire dal 1560, data di apertura di quella Zecca. Preparò gli stampi per le monete di Alberico I.

BALESTRIERI BERNARDO

1655
Ics
v
Scultore, nato il 26 febbraio del 1884 a Palermo. Si forma inizialmente nel mondo culturale palermitano. Trasferitosi a Roma, si diploma alla Scuola dell’Arte della Medaglia, presso la Zecca. Frequenta a Roma lo studio di Rutelli e di Ettore Ximenes. Insegnante al liceo artistico di Palermo, tiene inoltre corsi estivi sulla formatura in gesso e la fusione in bronzo all’Accademia di Belle Arti. Autore del Monumento ai caduti di Poggio Mirteto presso Rieti, e di quello di Viterbo, vinti per concorso. Espone alla Biennale di Venezia nel 1909 e 1910. E' stato presente in esposizioni internazionali con lavori di incisione selezionati dalla Zecca. Nella Galleria d'Arte Moderna a Roma sono conservate le sue opere. Muore il 31 marzo del 1965 a Palermo.

BALESTRIERO GIAN GIACOMO

1258
Ics
Ics
Il Forrer lo cita come incisore alla Zecca di Venezia, contemporaneamente con Nicolò Valezo, a partire dal 1577 fino al 1587 circa.

BALLA MICHELE

1167
Ics
Ics
Orafo e medaglista attivo a Roma nella seconda metà  del XVI secolo. Sulle sue medaglie figurano i ritratti dei Papi Gregorio XIV, Sisto V, Urbano VII. Morì intorno al 1584.
iten

Medaglisti e Incisori