iten

Artista

GAMEC
SUCC. 2005:

DI LUCCHINI TIBERIO

1324
Ics
Ics
Incisore, citato dal Papadopoli come attivo alla Zecca di Venezia nel 1443. Risulta avesse come aiuto Vincenzo Di Lucchini, probabilmente suo parente.

DI MASSA R.

1286
Ics
Ics
Artista attivo nella prima metà  del XX secolo. Si è dedicato non solo alla scultura, e la sua firma figura su medaglie; alcune riguardano manifestazioni sportive organizzate dall'Automobile Club di Parma.

DI MAULO GABRIELE

1230
Ics
v
E’ nato a Milano il 14 dicembre 1968. Dopo il diploma di Maturità all’Istituto d’Arte di Chiavari, consegue quello di Scultura presso l’Accademia di Belle Arti di Carrara, dove nel 1990 gli viene conferita una Borsa di studio che gli permette di eseguire i corsi di Scultura all’Accademia di Monaco di Baviera. Per alcuni anni è assistente dello scultore Floriano Bodini presso il suo Studio di Milano, con il quale collabora alla realizzazione di importanti opere. Dai primi anni novanta intensifica la sua attività, ottenendo anche significativi riconoscimenti. Nel 1996 realizza il “Monumento agli Autieri caduti per la Patria”, a Rapallo. Negli anni sucessivi prosegue una costante ricerca formale che interessa oltre la scultura e la medaglistica, il disegno, le tecniche dell’incisione e quelle litografiche. Da ricordare ancora la Via Crucis per la Chiesa di Rovello Porro (CO). Sue opere appaiono in rassegne importanti di carattere nazionale ed internazionale. Vive e lavora a Chiavari, in provincia di Genova.

DI NARDO DOMENICO

1289
Ics
Ics
Scultore in legno, che fu attivo in Roma durante la seconda metà  del XVII secolo. Era allievo di P. Ceraso e, secondo il Forrer sembra abbia eseguito medaglioni con il ritratto dei Papi e di noti personaggi del tempo.

DI NATALE ARTURO

1309
Ics
Ics
Nato a Perugia nel 1907. Studiò in un primo tempo a Palermo, ultimando la sua preparazione artistica a Napoli. Autore di monumenti, statue, bassorilievi, ha partecipato a molte esposizioni nazionali e internazionali. Nella sua produzione artistica, in cui predominano i soggetti religiosi, figurano anche medaglie e placchette.

DI NATALE GIOVANNI

1519
Ics
Ics
Nato il 20 giugno 1941 a Ragusa dove vive e opera. Per la sua formazione artistica, oltre alla frequenza all'Istituto d'Arte di Comiso, è stata importante la guida del padre, pittore e scultore. Nella sua produzione si evidenzia la predilezione per la medaglistica. Molti i ritratti su commissione e le medaglie coniate per celebrazioni civili e religiose.

DI PRINZIO ALFREDO

1361
Ics
Ics
Ha frequentato la Scuola dell'Arte della Medaglia di Roma. Suoi lavori, datati sul finire degli anni sessanta, sono stati presentati nella mostra tenuta a Palazzo Braschi nel 1980, dall'Istituto Poligrafico Zecca di Stato.

DI RACO MICHELE

1461
v
Ics
Nato a Taurianova, in provincia di Reggio Calabria, nel 1934. Ha compiuto gli studi presso il Liceo Artistico di Reggio Calabria e successivamente presso l'Accademia di Belle Arti di Roma. Ha frequentato pure la facoltà  di Architettura di Palermo. Ha insegnato modellato in Licei e Istituti d'Arte dal 1953 al 1973 ed è stato Preside di Liceo Artistico dal 1974 al 1981. Unitamente all'intensa opera didattica ha svolto un'altrettanto significativa opera di scultore in bronzo e di ceramista. Principalmente ha operato nell'ambito del sacro, progettando ed eseguendo bassorilievi, croci, tabernacoli, arredi, per chiese e cappelle. Dal 1969 ha saltuariamente realizzato modelli per medaglie. Ragguardevole la presenza in mostre ed esposizioni nazionali. Vive e lavora a Reggio Calabria.

DI STASIO STEFANO

1332
Ics
Ics
E' nato a Napoli nel 1950. Pittore, nell'ambito della serie di coniazioni dedicate alle celebrazioni del Grande Giubileo dell'Anno 2000 ha preparato i disegni per la medaglia dedicata alla chiusura dell'Anno Santo. Vive e lavora a Roma.

DI TOMMASO ANTONIO

907
Ics
v
E’ nato a Frisa in provincia di Chieti nel 1945. Diplomatosi presso l’Istituto d’Arte di Lanciano in Abruzzo e poi passato a Firenze dove ha compiuto gli studi presso l’Accademia di Belle Arti, frequentando poi i più autorevoli studi di scultori tra cui A. Berti e Q. Martini. Partito da un figurativo tradizionale, si è poi gradualmente orientato verso l’astratto. Autore di busti, monumenti, bassorilievi, nell’impiego dei materiali passa dal ferro, al bronzo, al legno, alla pietra, al marmo. La sua firma figura tra l’altro su una medaglia dedicata a Marcello Fantoni, realizzata a cura del Gruppo Donatello di Firenze nel 1999. E’ residente a Firenze.

DI VIETRI NICOLA

1343
Ics
Ics
Nato a Venosa, in Lucania, il 6 marzo 1954. Dopo il diploma, si iscrive alla facoltà  di Architettura di Milano nel 1975, e contemporaneamente si dedica alla scultura, alla incisione ed allo sbalzo. In seguito si trasferisce a Firenze e quindi apre anche uno studio laboratorio a Venosa. Autore di alcuni monumenti ai Caduti, tra le medaglie da lui realizzate da ricordare quella per il Bicentenario della morte di Q. Orazio Flacco. E' stato presente in diverse mostre dell'AIAM e alla Triennale della Medaglia d'Arte di Udine.

DIANO DOMENICO UMBERTO

1658
Ics
Ics
Nato a Reggio Calabria nel 1887. Scultore, pittore, ceramista studiò inizialmente a Bologna e si perfezionò all'Accademia di Belle Arti di Roma. Ha frequentato la Scuola dell'Arte della Medaglia. Autore di monumenti, il più noto dei quali è quello al generale Cadorna, realizzato a Cortina d'Ampezzo nel 1921. Tra le sue medaglie citiamo quelle eseguite per le Adunate Nazionali all'Associazione Nazionale Alpini nel 1932 e 1935.

DIES LUIGI

1335
Ics
Ics
Orefice e incisore del XIX secolo che lavorò per la Zecca Papale. Nel 1821, alla morte del Mercandetti, partecipò al concorso indetto dalla Zecca per la sua sostituzione. Non essendo stato prescelto, sembra sia allontanato per circa 30 anni dall'ambiente romano. Nel 1851, risulta una sua richiesta, però non soddisfatta, di far valere i suoi precedenti diritti di incisore supplente.

DINOTTI ETTORE

1337
Ics
Ics
Incisore nato Crescenzago in provincia di Milano nel 1882. Si è poi trasferito a Bergamo, dove ha gestito per molti anni un proprio laboratorio eseguendo stampi per medaglie distintivi, fregi e oggetti similari. E' morto nel 1964.

DOMENICO VENETO

1246
Ics
Ics
Pittore e medaglista, ricordato tra l'altro come autore di una medaglia per Sigismondo Augusto di Polonia. Nella nazione polacca egli lavorò intorno al 1550.

DONADIO ANGELO

1357
Ics
Ics
La firma di questo incisore compare su diverse medaglie datate tra il 1815 e il 1822 dedicate a noti personaggi in particolare piemontesi, alcune delle quali sono anche presenti nelle Civiche Raccolte Numismatiche del Comune di Milano.

DONALDI

1321
Ics
Ics
Incisore della prima metà  dell'800. Il suo nome figura nella serie di 23 pezzi, di diverso diametro, che compone la storia metallica di Maria Luigia, Duchessa di Parma, insieme con quelli di G.A. Santarelli, G.B. Vighi, E. Galli, C. Voight, D. Bentelli, G. Zapparelli.

DONATELLO

1480
Ics
Ics
Donato di Niccolò di Betto Bardi detto "Donatello" uno dei più grandi artisti del Rinascimento. Nato a Firenze nel 1386, fu architetto e scultore molto fecondo. Lavorò principamente a Firenze, in tutta la Toscana, ma anche a Napoli, Venezia, Padova, lasciando ovunque indubbi capolavori. Morì nel dicembre del 1466. A lui o alla sua scuola, di cui fecero parte, tra gli altri, Bertoldo, Michelozzo, Bellano, sono attribuite numerose placchette fuse in bronzo.

DONATI RINO

1270
Ics
Ics
Nato nel novembre del 1937, a Firmano di Premariacco in provincia di Udine. Si è poi trasferito a Milano ed ha frequentato i corsi dell'Accademia di Belle Arti di Brera. Autore di bassorilievi, opere decorative per l'architettura, ha partecipato, tra l'altro, alla Biennale Internazionale Dantesca di Ravenna. Ha presentato medaglie fuse alla Triennale di Udine del 1999. Risiede a Milano.

DONIZETTI MARIO

1414
v
Ics
Nato a Bergamo nel 1932. E' considerato uno dei massimi disegnatori ed esponenti della corrente pittorica realista italiana. Grande ritrattista, per lui hanno posato celebri personaggi del nostro tempo. Suoi lavori sono in gallerie e collezioni private e pubbliche in tutto il mondo. Con la moglie è fondatore di un "Istituto per la ricerca e la divulgazione delle Tecniche delle Arti". Occasionalmente ha anche preparato modelli per medaglie. Vive e lavora a Bergamo

DONZELLI ANTONIO

1646
Ics
Ics
Incisore milanese del XIX secolo. Di lui, il Comandini ricorda tra l'altro la medaglia eseguita per la visita di Re Umberto I a Lucca nel 1889 e quella per l'inaugurazione del monumento a Garibaldi, nella città  di Vercelli, l'anno successivo. Con lui ebbe inizio l'attività  della Ditta Donzelli, che risulta abbia svolto una diffusa e cospicua produzione. Più tardi, nel corso del XX secolo, l'azienda assunse la denominazione di "Alberti e C.".

DOTTI FRANCO

1412
Ics
v
Nato a Bergamo nel 1927. Dopo il Liceo Artistico ha frequentato l'Accademia di Brera. Già nel 1946 ha presentato la sua prima mostra personale. Si è dedicato anche all'insegnamento nelle scuole pubbliche, per le quali ha scritto anche libri di testo. Per lungo tempo ha lavorato all'estero, raggiungendo risultati di rilievo. Nell'eseguire i suoi lavori si è valso di diversi materiali, dal ferro al bronzo, dal legno al gres, e di tecniche molto variate. Ha tenuto mostre personali ed ha partecipato a mostre collettive sia in Italia che all'estero. Ha realizzato, occasionalmente, anche modelli per medaglie. A partire dalla metà degli anni settanta si era trasferito da Bergamo ad Azzano S. Paolo. E’ morto nel gennaio 2008.

DOTTORINI ROBERTO

1296
Ics
Ics
Ha esposto nel 1992 a Udine alla Rassegna dell'Associazione Italiana della Medaglia, presentando un bronzo fuso, dedicato al Bicentenario Rossiniano. Risiede a Roma.

DOVERIS GIOVANNI PAOLO

1283
Ics
Ics
Orafo e incisore nato a Torino che, secondo il Bolzenthal, lavorò alle Zecche piemontesi durante la seconda metà  del XVI secolo. Viene anche segnalato Giovanni Stefano Doveris, a cui venne affidato l'incarico di incisore generale per le Zecche del Piemonte, intorno al 1594.

DOZZI GIROLAMO

1042
Ics
v
Argentiere, attivo a Padova nei primi decenni dell'800. Una sua medaglia, fusa e cesellata, è citata da A. Turricchia nel volume sulle medaglie del Lombardo Veneto. Si tratta di esemplari commisionati del Comune di Padova: dovevano premiare i vincitori delle “Gare delle Bighe” in programma nel corso delle manifestazioni indette dall'amministrazione per festeggiare la presenza dell'imperatore d'Austria Francesco I, che in effetti visitò dall'ottobre 1815 al maggio 1816 molte città lombarde e venete, ma non andò a Padova. Verosimilmente dette medaglie non furono effettivamente distribuite.

DREI ERCOLE

1323
Ics
Ics
Scultore e medaglista nato a Faenza in provincia di Ravenna nel 1886. Autore di numerosi monumenti, altorilievi, busti, la sua attività  si è svolta sia in Italia che all'estero. Ha partecipato ad esposizioni e rassegne importanti: in particolare alla Quadriennale di Roma e alla Biennale di Venezia. E' stato professore e direttore all'Accademia di Belle Arti di Bologna, e anche insegnante di modellazione alla Scuola dell'Arte della Medaglia di Roma. E' morto a Roma, nel 1973.

DRIUTTI EUGENIO

1518
Ics
v
Nato nel 1949 a Udine, ha frequentato la Scuola dell'Arte della Medaglia a Roma, allievo di G.M. Monassi, di P. Giampaoli e di F. Giannone. Incisore presso la Zecca di Stato; molte e significative le serie di stampi per monete che ha realizzato, nel tempo, sia per la Repubblica Italiana che per la Repubblica di S. Marino. Ha realizzato la moneta italiana di 1 cent. di Euro raffigurante "Castel del Monte". E' stato presente spesso, anche come medaglista, a rassegne nazionali ed internazionali, tra cui la Triennale della Medaglia di Udine. Sue opere figurano in raccolte pubbliche e private. Vive e lavora a Roma.

DUBOIS MICHEL

1354
Ics
Ics
Francese, nato intorno al 1720 a Valence, nel Delfinato. Fu al servizio del Duca Filippo di Borbone, come incisore di sigilli dal 1742. Giunto con lui a Parma nel 1749 divenne zecchiere e incisore presso la Zecca della città . Esperto dei sistemi meccanici di coniazione, nel 1754 andò, con il permesso dal Duca, a ristrutturare la Zecca di Venezia. Morì a Parma nel 1776. Tra l'altro, eseguì la medaglia dell'Accademia Parmense di Pittura, Scultura e Architettura.

DUGHETTI ROBERTO

1449
Ics
v
Nato a Firenze il 3 marzo 1938. Pittore, scultore, ha allestito mostre personali, soprattutto in ambito toscano, e partecipato a molte collettive. Come incisore, ha lavorato per molto tempo presso la ditta Mon Art, attiva nel settore medaglistico, ed ha avuto modo di eseguire un significativo numero di coniazioni. E’ morto il 29 giugno 2006.

DUNCHI NANDO

1537
Ics
Ics
Nato a Carrara nel 1909. Ha frequentato l'Accademia di Belle Arti della sua città  e lo studio di Arturo Martini. La sua attività  artistica venne interrotta dagli eventi della seconda guerra mondiale e solo alla fine del conflitto gli fu possibile riprendere il lavoro di scultore. La sua firma figura anche su alcune medaglie.

DUPRà‰ AMALIA

1319
Ics
Ics
Nata a Firenze nel 1843, figlia del noto scultore Giovanni Duprà© e sua allieva, ha svolto la sua opera artistica privilegiando in modo particolare i soggetti sacri. Oltre a ritratti, ha modellato e scolpito varie statue, busti e bassorilievi. Il suo nome figura anche su medaglie. E' morta a Firenze nel 1929.

DUPRà‰ GIOVANNI

1288
Ics
Ics
Scultore nato a Siena il 1° marzo 1817. Dopo un'iniziale pratica come intagliatore in legno nella bottega del padre Francesco, e dopo aver seguito i corsi di ornato all'Accademia di Siena, si trasferisce a Firenze dove, dal 1840, studia scultura sotto la guida di L. Magi e U. Combi. Dal 1843 inizia la sua vastissima produzione artistica, non rallentata dall'insegnamento all'Accademia di Belle Arti di Firenze. La sua opera comprende busti, statue, monumenti, anche di illustri personaggi come Pio X e Camillo Cavour. In occasione del VI centenario dantesco del 1865, sono ricordate medaglie in cui figura la sua firma, come scultore, abbinata rispettivamente a quelle degli incisori L. Gori e A. Pieroni. Presente in esposizioni in Italia e all'estero, suoi lavori sono in collezioni pubbliche e private. E' morto a Firenze nel gennaio 1882.

DUPRE’ AMALIA

999
Ics
v
Nata a Firenze nel 1843, figlia del noto scultore Giovanni Duprè e sua allieva, ha svolto la sua opera artistica privilegiando in modo particolare i soggetti sacri. Oltre a ritratti, ha modellato e scolpito varie statue, busti, bassorilievi e forse alcune medaglie. E' morta a Firenze nel 1929.

DURIO VINCENZO

1058
Ics
v
Scultore nato a Varallo, in provincia di Vercelli. A partire dal 1867 risulta attivo in Francia e in Liguria, specie come autore di monumenti funebri. Morì in tardissima età a Civiasco. La sua firma figura anche su medaglie.

E.N.E.A.

1341
Ics
Ics
Ditta produttrice di distintivi, medaglie per manifestazioni sportive, raduni, ricorrenze varie, ricordata più volte da Gianfranco Casolari, attiva specialmente negli anni 1930-1950.

EISEL G.

956
Ics
v
Incisore austriaco attivo intorno alla metà del XIX secolo. Tra l’altro, A. Turricchia lo indica quale autore dei conii della medaglia fatta coniare dalla ditta milanese Ambrogio Binda, fabbricante di bottoni, passamani e stoffe di seta, nel gennaio del 1852, per ricordare la visita alle officine da parte dell’imperatore austriaco Francesco Giuseppe e della consorte Elisabetta, durante il loro soggiorno a Milano. L’esemplare in oro che raffigurava al diritto le effigi dell’augusta coppia, fu possibile farlo pervenire alla corte imperiale solo molti mesi dopo.

EISEL L.

1499
Ics
v
Attivo nella seconda metà del XIX secolo, forse discendente di G. Eisel, incisore e medaglista d'origine austriaca.La sua firma si trova su una medaglia per la IV Esposizione Nazionale di Pittura Scultura Architettura e Arti Applicate svoltasi a Torino nel 1880. Inoltre con la sigla "Eisel e figlio" sono state edite diverse medaglie, tra le quali, nel 1890, un commemorativa della morte di Amedeo Duca d'Aosta.

ENNECE GIOVANNI ANTONIO

1357
Ics
Ics
Napoletano, incisore alla Zecca della città , circa dal 1539 al 1555. Citato da G. Sambon, nel suo studio sulla moneta napoletana, come artista di buon livello.

ENRINI GIUSEPPE

1375
Ics
Ics
Nato a Milano il 17 febbraio 1899, ha frequentato l'Accademia di Belle Arti di Brera. Ha esposto alla Promotrice di Belle Arti di Torino dal 1928, e nel 1929 è stato presente a Roma. Sue opere sono in raccolte pubbliche e private. La sua firma figura anche su medaglie. E' morto nel 1962.

ENZOLA GIAN FRANCESCO

1340
Ics
Ics
Orafo, incisore di conii e medaglista, attivo tra il 1456 e il 1510. Non si conosce esattamente l'anno della nascita e della morte. Fu al servizio, tra gli altri, di Francesco Sforza, Cecco Ordelaffi di Forlì e Taddeo Manfredi di Faenza. Lavorò nella Zecca di Parma tra il 1467 e il 1471 e in quella di Ferrara nel 1472-1473. Le sue prime medaglie furono soprattutto coniate e di piccolo modulo; negli ultimi anni della sua attività  usò invece la fusione e modellò medaglie di diametro maggiore. Tra queste ultime figura quella per Costanzo Sforza, che riproduce al rovescio il Castello di Pesaro.

ERCADI ELISABETTA

1409
Ics
Ics
Nata il 13 agosto 1957 a Roma. Si è diplomata in scultura all'Accademia di Belle Arti e poi ha studiato alla Scuola dell'Arte della Medaglia di Roma, allieva di Emilio Greco. Dal 1981 ha lavorato nel campo della medaglia e della scultura, sia per privati che per enti pubblici. Ha partecipato a mostre dell'AIAM, alla Triennale della Medaglia d'Arte di Udine, ad esposizioni della FIDEM. Vive e lavora a Roma. Sue opere si trovano in collezioni in Italia e all'estero.

ERMACORA GIANCARLO

1470
Ics
Ics
E' nato nell'ottobre del 1942. Scultore e medaglista, ha studiato all'Istituto d'Arte di Udine. E' stato presente a mostre in Italia e all'estero. Vive e lavora a Magnano in Riviera (Udine).

ESSEO ELISABETTA

1276
Ics
Ics
Artista d'origine ungherese, attiva nel XX secolo. Nel volume "Pio XI nella medaglia" di V. Cusumano e A. Modesti, viene segnalata una sua medaglia fusa con al diritto il ritratto del pontefice e al rovescio l'immagine di S. Francesco. Su di essa è evidente la scritta "ESSEO sculpt" completata dal monogramma dell'artista. La stessa firma compare anche su medaglie fuse, eseguite negli anni '20, con l'effige di B. Mussolini.

FABBI LUIGI

1361
Ics
Ics
Nato nel 1861 a Bologna. Frequentò corsi di scultura all'Accademia di Belle Arti di Firenze. Partecipò ad esposizioni e concorsi, ottenendo lusinghieri successi. Viaggiò molto, con lunghi soggiorni a Parigi, Monaco, Dresda, Berlino, Varsavia, ma soprattutto in Egitto. Oltre alla scultura esercitò prevalentemente la pittura. Citato da Mario Bellucci come autore di medaglie perugine.

FABBRI AGENORE

1489
v
Ics
Nato a Barba in provincia di Pistoia nel maggio del 1911. Nel 1935 si stabilisce ad Albisola, dove ha lavorato per molti anni alla scultura e alla ceramica. Dopo la guerra si trasferisce a Milano e fin dal 1937 inizia la sua partecipazione alle mostre più importanti in Italia e all'estero, conseguendo premi e riconoscimenti significativi. Gallerie e Musei nazionali e internazionali conservano sue opere. Ha tra l'altro eseguito i modelli della medaglia dell'anno XIV di pontificato di Papa Paolo VI. E' morto nel 1998.

FABBRI D.

1355
Ics
Ics
La sua firma figura su una medaglia che celebra il decennale della battaglia di Vittorio Veneto, ed è dedicata "Al Re che guidò l'esercito alla Vittoria e debellò il nemico della stirpe". Emessa nel 1928, fu coniata dalla ditta Johnson.

FABINO FRANCESCO

1325
Ics
Ics
D'origine genovese, è citato da A. Bertolotti nel volume "Artisti Subalpini in Roma nei secoli XV, XVI e XVII" come "medagliaro" attivo a Roma nella prima metà  del XVII secolo. Sempre nello stesso periodo lavorava nella stessa città  un non meglio identificato Marco Antonio, genovese.

FACCHIN MASSIMO

1373
Ics
Ics
Nato a Lamon in provincia di Belluno nel 1916. Fin da giovanissimo coltiva la passione della scultura. Nel 1934 dopo aver praticato diversi mestieri, si dedica allo studio. Il servizio militare lo vede impegnato nella Campagna di Russia, sul Don. Nel 1945 consegue la Maturità  Artistica a Venezia dove ha frequentato anche i corsi di architettura. Si dedica poi completamente all'insegnamento e alla scultura. Per realizzare le sue opere usa la pietra, il legno, la terracotta, il cemento, la zama. Dal 1957 ad oggi ha esposto in numerose mostre personali e collettive in Italia e all'estero. Suoi lavori si trovano sia in edifici di culto che pubblici ed anche in collezioni private. Ha eseguito anche numerose medaglie tra cui quelle per i pellegrinaggi di Giovanni Paolo II in Ungheria, in Senegal, in Angola, ed altre ancora, fuse, di carattere commemorativo. Vive e lavora a Belluno.

FACCHINI GIORGIO

1528
v
Ics
Nato l'8 ottobre 1947. Ha studiato a Fano ed a Venezia. Insegna scultura ornamentale all'Accademia di Belle Arti di Macerata. Alla sua prevalente attività  di pittore, scultore ed orafo, ha in seguito abbinato anche quella di medaglista. Tra i committenti, in questo campo, figurano la Cassa di Risparmio di Pesaro, il Consiglio Regionale delle Marche e molti enti pubblici e privati. Ha partecipato a mostre nazionali e internazionali. Sue opere si trovano in Musei e raccolte private. Vive e lavora a Pesaro.

FACCINI ANGELO

1002
Ics
v
Incisore alla Zecca di Bologna nel 1675. Prima di lui alla officina bolognese lavorava il tedesco Giovanni Adamo Hert.
iten

Medaglisti e Incisori