iten

LAVY AMEDEO

1895
Ics
v
Nato a Torino nel 1777. Capo incisore alla Zecca di Torino, insieme al fratello Carlo. Fu anche scultore e professore onorario all'Accademia di Belle Arti. Lavorò per un certo periodo a Roma, ed ancora alla Zecca di Torino dopo il ritorno di Vittorio Emanuele I. Autore tra l'altro del famoso "marengo" d'oro, a ricordo della omonima battaglia, vinta da Napoleone il 14 giugno 1800. Nel 1826 come capo incisore, lo sostituì Giuseppe Ferraris. Tra le sue opere scultoree figurano i busti di personaggi illustri dell'epoca. Morì nel 1864.
iten

Medaglisti e Incisori