iten

LEONI LEONE

1732
Ics
Ics
Scultore, orafo e medaglista; nato in provincia di Como nel 1509, da padre aretino. Nel 1537 si recò a Roma dove lavorò come medaglista e incisore della Zecca papale; il suo ritratto di Paolo III per il doppio ducato d'oro, inciso nel 1539, è forse il suo capolavoro. Sono di questo periodo anche le prime medaglie, tra le quali quelle di Paolo III. Nel 1540 fu condannato per omicidio ma venne liberato l'anno dopo per intercessione di Andrea Doria Dal 1542 al 1545 è incisore presso la Zecca di Milano e in tale sua qualità  eseguì i conii per le monete di Carlo V. Seguirono poi brevi soggiorni a Venezia, a Parma e a Roma. Nel 1549 si recò a Bruxelles su invito di Carlo V, di cui divenne lo scultore e il medaglista ufficiale. Nel 1550 tornò a Milano, dove però rimase poco tempo. Nel 1551 è ad Augsburg in Germania; nel 1556 è di nuovo a Bruxelles. Lavorò per Filippo II all'Escuriale e in Italia per Ferrante Gonzaga e Vespasiano Gonzaga. Trascorse gli ultimi anni della sua vita a Milano, dove morì nel 1590. Fu senz'altro il medaglista italiano più noto del XVI secolo.
iten

Medaglisti e Incisori