iten

Artista

GAMEC
SUCC. 2005:

NAGNI FRANCESCO

1775
Ics
Ics
Scultore nato a Viterbo il 7 febbraio 1897. Studiò all'Accademia di Belle Arti di Roma. E' tra l'altro autore del monumento ai Caduti di Fano, del Maresciallo Diaz a Napoli, della statua di S. Paolo per la Basilica dell'EUR a Roma. La sua firma figura su medaglie tra cui quella per la Mostra Italiana a Chicago del 1933. Presente in numerose esposizioni, tra cui la Quadriennale di Roma. E' morto l'11 luglio 1977.

NALON GIANNI

962
Ics
v
Nato a Arsego, vive e lavora a Curtarolo, entrambe località in provincia di Padova. Attratto fin da giovanissimo dall’arte, studia presso l’Istituto per la grafica e la fotografia “M. Fanoli” di Cittadella e successivamente si laurea in Architettura a Venezia nel 1984. Nelle sue opere usa l’olio, l’acrilico, la china, l’acquarello e l’incisione, tecnica in cui si è molto perfezionato. Ha anche realizzato bozzetti per medaglie. In vent’anni di attività ha riportato significativi riconoscimenti. Isegna a Padova all’Istituto Statale Sueperiore di Grafica.

NANI ATTILIO

1873
v
Ics
Nato a Clusone, in provincia di Bergamo, il 19 maggio 1901. Dal padre artigiano apprese il mestiere di cesellatore e doratore. Studiò disegno all'Accademia Tadini di Lovere. Continuando poi il lavoro paterno, si trasferì a Bergamo, dove iniziò a comporre motivi decorativi su piatti, vasi, suppellettili religiose, ottenuti a sbalzo e cesello. Più avanti si dedicò alla scultura con lavori in terracotta e in bronzo: bassorilievi, ritratti, opere d'arte sacra ed anche alcune medaglie. Sua la tiara donata a Papa Giovanni XXIII dai bergamaschi, nel 1958. E' morto il 13 ottobre 1959.

NANI ATTILIO Jr.

2064
v
Ics
Nato a Bergamo il 23 ottobre 1959. Intraprende studi di indirizzo tecnico, che abbandona nel 1984 per dedicarsi a tempo pieno all'attività  svolta dal padre Cesare, nella bottega di famiglia. Diviene così esperto nello sbalzo e nel cesello su rame, peltro, argento, realizzando inoltre oggetti di orificeria che arricchisce, a volte, con smalti policromi. E' anche autore di alcune medaglie. Risiede a Zanica.

NANI CLAUDIO

1817
v
Ics
Nato a Bergamo nel 1928, apprende le prime nozioni dell'arte e del mestiere nella bottega del padre Attilio, scultore e sbalzatore. Frequenta, dal 1950 al 1960, l'Accademia di Brera a Milano con Achille Funi. Si dedica alla pittura d'affresco e a lavori su metallo, all'oreficeria e al mosaico. Sue opere si trovano in Italia e all'estero e sono conservate in collezioni pubbliche e private. Ha realizzato diversi modelli per medaglie, sia coniate che fuse, in particolare per il Circolo Numismatico Bergamasco: la più recente è quella dedicata al bicentenario del Liceo Classico Paolo Sarpi (2003). Vive e lavora a Bergamo.

NANI GIUSEPPE

1789
v
Ics
E' nato a Bergamo il 2 agosto 1933. Figlio d'arte: ancora giovanissimo, infatti, ha iniziato l'attività  nella bottega del padre Attilio, noto scultore bergamasco, a sua volta prosecutore di un'arte che si tramanda da molte generazioni. Dopo la morte del padre avvenuta nel 1959, pur non avendo seguito nessun'altra scuola specifica, si è specializzato nei lavori di sbalzo e di cesello. Tra i suoi lavori vanno almeno citati il Tabernacolo della chiesa dei Frati francescani a Gerusalemme e l'altare della Chiesa dell'Annunciazione a Nazareth. Ha realizzato diverse medaglie per committenti pubblici e privati.

NANNIPIERI DINO

1684
Ics
Ics
Nato Cascina di Pisa il 22 ottobre 1930. Figlio di un intagliatore in legno, giovanissimo, oltre a frequentare la bottega paterna, ha studiato all'Istituto d'Arte della sua Città , per completare poi gli studi all'Accademia di Firenze, nella sezione Scultura e Decorazione del Legno. Presente in numerose esposizioni, è autore di busti, bassorilievi, monumenti, nel settore pubblico e di altre opere nell'ambito sacro, come croci pulpiti, fonti battesimali. Ha anche eseguito modelli per medaglie e placchette. E' morto nell'agosto del 1995.

NANNUCCI G.

1683
Ics
Ics
Medaglista fiorentino della prima metà  dell'Ottocento. Suoi pezzi sono presenti nel Medagliere del Museo Centrale del Risorgimento. Da ricordare in particolare una sua medaglia per Leopoldo II, Granduca di Toscana, ed una eseguita per la Società  Fiorentina di S. Giovanni Battista ed offerta a Pio IX, in occasione del 50° di sacerdozio.

NAPOLIONE ANTONELLA

1828
Ics
Ics
Nata a Ferrara nel 1968, si è diplomata al liceo scientifico "Innocenzo XII". Nel 1987 ha frequentato la scuola d'Arte della Medaglia presso l'Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, nel 1992/93 ha conseguito il diploma di Maturità  d'Arte Applicata, nella sezione Arte dei Metalli e dell'Oreficeria. Ha realizzato numerose medaglie per la Zecca dello Stato, una moneta bimetallica da lire 1000 per la Repubblica di S. Marino. Tra le medaglie eseguite da sottolineare quelle per la FAO e per il Circolo Numismatico Mediceo di Firenze. Risiede ad Anzio in provincia di Roma.

NAPPA UGO

1809
Ics
Ics
Nato a Napoli il 25 giugno 1914. Ha studiato all'Accademia di Belle Arti di Napoli e alla Scuola dell'Arte della Medaglia di Roma. Tra l'altro, nel 1941, ha esposto alla prima Mostra degli Artisti Italiani in Armi, una medaglia dedicata ai paracadutisti.

NARDO

1687
Ics
Ics
Orafo citato dal Forrer, attivo nel finire del XV secolo. Al servizio della Zecca dei Papi nel 1484, eseguì in particolare stampi per sigilli e bolle pontificie.

NARDONI SERGIO

992
Ics
v
E’ nato a Firenze nel 1947. Frequenta il liceo artistico e poi l’Accademia di Belle Arti. Per completare la sua conoscenza e formazione artistica frequenta anche le Facoltà di lettere. Insegna quindi per qualche tempo, per poi, lasciata definitivamente la scuola, dedicarsi esclusivamente alla pittura. Da ricordare anche la sua attività espositiva. Per quanto riguarda la medaglistica, da segnalare un suo esemplare, fuso, con al diritto il ritratto di Mina Gregori ed al rovescio una raffigurazione allegorica con tre figure in gesti drammatici. Eseguito nel 2001 e donato dal gruppo Donatello di Firenze al Museo del Bargello nello stesso anno. Sue opere si trovano anche in altri musei e collezioni private in Italia e all’estero.

NATIVI GUALTIERO

903
Ics
v
E’ nato a Pistoia nel 1921 ed è morto a Greve in Chianti, in provincia di Firenze, nel 1999. Iniziò la sua attività artistica nel 1947. Pittore astrattista, è presente in numerose esposizioni, in particolare a varie edizioni della Quadriennale di Roma. Ha anche firmato nel 1987 una medaglia dedicata a Luciano Berti, Sovrintendente dei Beni Artistici e Direttore degli Uffizi a Firenze, donando poi, oltre all’esemplare, i conii in acciaio del diritto e del rovescio al Museo fiorentino del Bargello.

NAVARRA E PRANDI

1639
Ics
Ics
Ditta fondata a Torino nel 1899 e citata nella pubblicazione "Augusta Taurinorum", edita da Ernesto Marini. Specializzata nell'esecuzione di stampi in acciaio, sigilli e incisioni. Tra i lavori eseguiti viene segnalata una medaglia dedicata al noto scienziato G. Schiaparelli.

NAVELLI ELENA

1722
Ics
Ics
Artista attiva nel XX secolo. Nel volume "Banche e Medaglie - Gli Anniversari", è segnalata come autrice della medaglia per il 500° anniversario di fondazione della Banca del Monte di Parma, coniata nel 1981.

NAVONE G.

1661
Ics
Ics
Architetto, attivo nel XVIII secolo, nell'ambito della Zecca pontificia. E' citato da Giancarlo Alteri, come autore della maggior parte dei disegni preparatori per le medaglie realizzate, a partire dal 1775, da Ferdinando Hamerani.

NAZARO ORAZIO

1647
Ics
Ics
Orafo di Cremona, che risultava residente a Roma, circa alla fine del XVI secolo. Il Milanesi gli attribuisce l'esecuzione di una medaglia per Benedetto Lomellini datata 1569.

NEGRI NERINO

1079
Ics
v
E’ nato nel 1924 a Padova, dove vive e lavora. Fra i grandi marmi della bottega paterna ha imparato i primi rudimenti della sua arte. Ha frequentato poi l’Accademia di Belle Arti di Venezia, allievo di Arturo Martini e Alberto Viani, diplomandosi nel 1947-48 in Scultura. Si è poi dedicato per lunghi anni all’insegnamento, presso gli istituti statali di Padova e Venezia, di Perugia, e poi presso il Liceo Artistico padovano. Nelle sue opere, sia a carattere monumentale sia di piccolo formato usa i materiali più diversi: terracotta, ceramica, bronzo, marmo. Fin dal 1947, ha partecipato a tutte le edizioni della Biennale del Bronzetto di Padova e alle varie Biennali Trivenete; si è aggiudicato concorsi nazionali per opere pubbliche che, insieme a quelle conservate in collezioni o istituti privati, sono numerosissime. Ha modellato anche alcune medaglie.

NEGRISOLI GUGLIELMO

1746
Ics
Ics
Scultore attivo nella prima metà  del XIX secolo. Il Forrer lo ricorda come autore di medaglioni-ritratto di Napoleone, senza fornire ulteriori dettagli.

NEIDINGER GIOVANNI FRANCESCO

1945
Ics
Ics
Artista che lavorò a partire dalla seconda metà  del XVII secolo. Di origine tedesca, svolse l'attività , come attestano le sue medaglie, tra il 1685 e il 1706 a Venezia: di esse un numero consistente riguarda la famiglia Barbarigo. Sua inoltre la nota medaglia che celebra Elena Corner Piscopia, la prima donna "addottorata" a Padova, in filosofia.

NELLI MARIO

3103
Ics
Ics
Incisore fiorentino. La sua firma appare su molte medaglie della prima metà  del ‘900, riguardanti soggetti ed argomenti molto vari. Diede vita, nel capoluogo toscano, alla Ditta Nelli Mario e C., per la coniazione di medaglie, e risulta abbia svolto l'attività  presso la "Casa di Benvenuto Cellini" da lui personalmente riattata in Firenze, in via della Pergola 59.

NENA ALFIERO

1834
Ics
Ics
Scultore nato a Treviso, che vive e lavora a Roma da più di quarant'anni. Allievo di E.Greco all'Accademia di Belle Arti di Roma è stato in seguito anche suo valido collaboratore. Autore di grandi opere, molte sue sculture si ispirano a temi sportivi e così pure alcune sue medaglie. Presente in esposizioni in Italia e all'estero, suoi bronzi sono in collezioni pubbliche e private.

NENCI ENZO

1831
Ics
Ics
Nato a Mirandola nel 1903. Si trasferisce più tardi, con la famiglia, a Ferrara. Il padre musicista e compositore, lo indirizza verso gli studi musicali. Ancora adolescente nasce però in lui la passione per la scultura. All'inizio autodidatta, perfeziona i segreti e le tecniche dell'arte frequentando lo studio dello scultore toscano E. Ceccarelli. Inizia ad esporre nel 1925. Autore di gruppi, monumenti, statue in bronzo e in marmo, fontane, bassorilievi decorativi, per committenti pubblici e privati, ha realizzato anche modelli per medaglie. Dopo la fine della seconda guerra mondiale, si è trasferito nel mantovano, continuando la sua attività  artistica. E' morto a Virgilio, alle porte di Mantova, nel 1972.

NEONATO NICOLA

1932
Ics
Ics
Nato a Borzonasca in provincia di Genova il 13 marzo 1912. Dopo aver provato i mestieri più diversi, frequenta l'Accademia Ligustica di Belle Arti a Genova. Finita la guerra ha insegnato per sei anni al Liceo Artistico. Ha iniziato l'attività  di scultore nel 1953, con un particolare riferimento verso i temi della Resistenza; notevole inoltre l'attenzione verso la scultura religiosa. La sua firma figura anche su medaglie.

NERI ALFREDO

1936
Ics
Ics
Scultore nato a Bologna nel 1865. Poche sono le notizie che lo riguardano. Autore tra l'altro della scultura per l'Arena del Sole nel 1888 e di molti monumenti e busti funerari. La sua firma compare anche su una medaglia eseguita, in occasione del sesto centenario di Dante Alighieri, nel 1921. E' morto nel 1932.

NERI AUGUSTO

4745
Ics
v
È nato a Meldola (Forlì - Cesena), dove vive e lavora. Autodidatta, si è specializzato in varie tecniche come lo sbalzo in rame e smalto, la cesellatura, la scultura. Tra le sue opere più importanti figurano il busto del Senatore Ruffilli, quello del Dr. Pierantoni nell'omonimo ospedale forlivese, il basamento dell'altare maggiore del nuovo tempio del Sacro Cuore a Martorano di Cesena, la “Via Crucis” nella Chiesa di Peschiera Borromeo (MI) e le grandi porte della chiesa collegiata di S. Nicolò in Meldola. Vanno inoltre ricordati un Cristo Morente dei Musei Vaticani, il monumento alla “Resistenza” in Meldola. Innumerevoli opere fanno parte di collezioni pubbliche e private in Italia e all'estero. Ha realizzato anche un discreto numero di modelli per medaglia.

NESPOLO UGO

2124
Ics
v
Nato a Mosso S. Maria, in provincia di Vercelli, nel 1941. Ha frequentato l'Accademia Albertina di Torino. Il suo esordio nel panorama artistico avviene negli anni sessanta ed al suo impegno come pittore affianca quello nel settore cinematografico. Negli anni ottanta sperimenta tecniche e materiali inconsueti; utilizza nei suoi quadri, legni pregiati, l'argento, il cuoio. Ha tenuto diverse personali e partecipato a mostre collettive in Italia e all'estero. Ha anche preparato progetti per alcune medaglie. Vive e lavora a Torino.

NESTI VITTORIO

1815
Ics
Ics
Scultore e medaglista che fu attivo alla Zecca di Milano tra il 1825 e il 1850 circa. Di quegli anni una sua medaglia in onore del Comandante delle truppe austriache in Lombardia, come pure altri esemplari dedicati a personaggi noti come Giuseppe Parini, Tommaso Grossi, Giuditta Pasta. Sembra abbia proseguito il suo lavoro, per un certo periodo, anche a Firenze, ma non si hanno notizie più precise della sua vita.

NIBBI MARCO

1641
Ics
Ics
Nato il 9 settembre 1936 a Cortona in provincia di Arezzo. Ancor giovane, studente in architettura, inizia le proprie sperimentazioni nel campo artistico-pittorico. Le prime opere di arte astratta sono degli anni sessanta. Dopo esperienze nel settore del design, collabora alla progettazione di edifici scolastici destinati ad accogliere i bambini, introducendo il colore in funzione didattico-decorativa. Successivamente realizza un'ampia gamma di opere con tecniche e materiali diversi. Tra queste si colloca la medaglia in argento creata per il Comune di Arezzo nel 1996, che risulta ulteriormente impreziosita da smalti colorati. Vive e lavora ad Arezzo.

NICCOLà’ DI FROSINO

1671
Ics
Ics
Orafo di Pisa, che il Forrer segnala per aver eseguito nel 1560 una medaglia con il ritratto di Carlo Duca di Borgogna, su commissione del Cardinale Giovanni de' Medici.

NICCOLINI ITALO

1807
Ics
Ics
Alla X Mostra della Medaglia d'Arte di Roma, nel 1997 ha esposto medaglie fuse: tra le quali una per il 25° di fondazione del Rotary Club di Massa Marittima. Vive e lavora a Roma.

NICCOLINI LUIGI

1657
Ics
Ics
Pittore e medaglista, nato e vissuto a Firenze nel XIX secolo. Autore, tra l'altro, della medaglia commemorativa della I Esposizione Nazionale Italiana, svoltasi in Firenze nel 1861.

NICHOLAUS

1639
Ics
Ics
Pittore e medaglista attivo a Ferrara negli anni 1440-1441 alla corte di Niccolò III d'Este. Sembra si debba identificare con Nicolaus Teutonicus o Niccolò d'Alemagna che nel 1454 dipinse il ritratto di Beatrice, figlia naturale di Niccolò III. La sua firma compare su una medaglia di Lionello d'Este.

NICOLA DA FIRENZE

1885
Ics
Ics
Della sua attività  si hanno notizie tra il 1485 e il 1499 a Lione. L'artista si era stabilito in quella città  avendo sposato la figlia di un orefice locale: insieme al suocero Louis Lepère preparò, per incarico dei Magistrati lionesi, la medaglia che questi offrirono ai sovrani Carlo VIII e Anna di Bretagna in occasione della loro visita alla città .

NICOLAI ANDREA

1655
Ics
Ics
Indicato anche come Andrea da Viterbo. Incisore di conii e maestro di Zecca a Roma al tempo di Papa Pio II (1458-1464). Citato, tra l'altro, dal Martinori nella sua opera "Annali della Zecca di Roma".

NICOLàŒ MIRELLA

1639
Ics
Ics
Nata nel 1958. Ha studiato con Emilio Greco. Si è diplomata nel 1980 all'Accademia di Belle Arti di Roma. Come medaglista ha partecipato ad esposizioni in Italia e all'estero. Ha eseguito lavori anche per la Zecca di Stato. Vive e lavora a Roma.

NICOLINI AMBROGIO

1736
Ics
Ics
Nato a Milano il 25 febbraio 1899. E' stato allievo alla Scuola d'Arte di Brera. Cesellatore e maestro d'incisione alla Scuola dell'Umanitaria di Milano, di cui è stato, per lungo tempo, Direttore dei settori di scultura, incisoria ed oreficeria. Suoi lavori preziosi, d'arte sacra, hanno arricchito chiese e cattedrali, soprattutto in Lombardia. Come medaglista si è distinto nell'uso della tecnica diretta di incisione degli esemplari. Sono citate tra l'altro sue medaglie, incise a mano, per l'Anno Santo 1950.

NICOLINI ROBERTO

1785
Ics
Ics
Nato nel novembre 1907 a Roma. Ha frequentato la Scuola dell'Arte della Medaglia. Suoi lavori, fanno parte della collezione della Zecca Italiana, e sono state esposti in mostre di settore.

NIDEROST GIUSEPPE

1968
Ics
Ics
Di origine straniera, fu medaglista e incisore a Pisa e sucessivamente alla Zecca di Firenze, al tempo del Granduca Leopoldo II. Tra le sue medaglie più note sono senz'altro quella eseguita, in coppia con il Cinganelli per il 1° Congresso degli Scienziati Italiani, tenutosi a Pisa nel 1839, e quella per il 3° Congresso svoltosi a Firenze nel 1841. E' morto a Firenze nel 1856.

NIGRISOLI BARTOLOMEO

1706
Ics
Ics
Incisore che lavorò intorno alla metà  del XVI secolo alla Zecca di Ferrara, al tempo di Ercole II d'Este.

NINàŒ GIOVAN BATTISTA

1671
Ics
Ics
Modellatore in terracotta, ceramista e incisore nato ad Urbino nel 1717 e morto nel 1786 a Chaumont, in Francia. Egli apprese l'arte di incidere prima dal padre Domenico, successivamente a Bologna all'Accademia Clementina, dove si applicò anche alla scultura. Intorno al 1740 fu in Spagna e circa nel 1756 arrivò a Parigi. Dopo il 1772 si trasferì a Chaumont dove eseguì i suoi celebri medaglioni, di cui pochi esemplari risultano fusi in metallo.

NIZZOLA JACOPO DA TREZZO

2046
Ics
Ics
Scultore, orafo e medaglista; nato a Milano intorno al 1519 da famiglia originaria di Trezzo; forse allievo di Leone Leoni. Nel 1554 parte da Milano per andare in Spagna, al servizio di Filippo II; tra il 1556 e il 1559 è a Bruxelles; poi torna nuovamente in Spagna, dove collabora alla decorazione dell'Escuriale. Muore a Madrid il 23 settembre 1589. Preferì l'esecuzione di medaglie di gran modulo, dove, avendo maggior spazio a disposizione, aveva la possibilità  di meglio esprimere le sue doti di ritrattista e il suo gusto per il grandioso. I suoi esemplari più conosciuti, mostrano i ritratti di Filippo II, della sua seconda moglie Maria Tudor, e dell'ingegnere militare, della Corte Spagnola, Gianello della Torre.

NOCENTINI ANGELA

1726
Ics
Ics
Nata a Firenze nel 1962, frequenta la Scuola di Scultura all'Accademia delle Belle Arti di Firenze dove insegna dal 1989. Fino a quell'anno collabora come scultrice all'allestimento di numerose opere liriche e spettacoli di prosa. Realizza medaglie commemorative per la Curia fiorentina ed altre committenze, tra cui il Circolo Numismatico Mediceo. Autrice di molte opere nel settore religioso sia in Italia che all'estero, inoltre nel 1991 realizza quattro sculture in collezione privata a Los Angeles e tra il 1999 e il 2000 esegue tre sculture per il giardino del nuovo Museo scientifico nella città  St. Croix, in Svizzera.

NOCERA ANTONIO

1752
Ics
Ics
Nasce a Caivano, in provincia di Napoli, il 10 gennaio 1949; dopo gli studi presso l'Accademia di Belle Arti di Napoli, nel 1970 si trasferisce a Milano dove inizia a frequentare l'ambiente artistico di Brera e dei Navigli. Poi è a Parma dove si stabilisce nel 1977. Negli anni seguenti viaggia in Francia, in Svizzera e in Inghilterra, tenendo mostre importanti. Nel 1988 apre uno studio a Roma. Autore di opere significative, la sua firma appare anche su alcune medaglie.

NOCERA LILIANA

1885
v
Ics
Scultrice nata a Milano, dove vive e lavora. Si è diplomata all'Accademia di Belle Arti di Brera; ha studiato disegno con U. Bertolini, scultura con F. Messina. Ha tenuto mostre personali a Milano, Ancona, Palermo, Spoleto, Torino, Varese, Lugano, Zurigo e partecipato a numerose e significative esposizioni collettive. Ha conseguito premi e riconoscimenti in Italia e all'estero. Sue opere monumentali si trovano a Milano, Pavia, Genova, Beirut, Berna, New York. Ha modellato anche diverse medaglie.

NORMANNI FRANCO

1758
Ics
v
Scultore, ha lavorato principalmente a Bergamo. Come medaglista ha, tra l'altro, realizzato i modelli per la medaglia del 3° Centenario della Dedicazione del Duomo di Bergamo, nel 1989. E’ morto nel febbraio 2006.

NOTO MILLEFIORI GIOVANNI BATTISTA

2604
Ics
Ics
Modellatore, allievo dello scultore Monteverde, che lavorò nel XIX secolo. Partecipò, tra l'altro, al concorso indetto nel 1887 per la nomina del successore di D. Canzani alla Zecca di Milano. Pur avendo presentato i modelli vincitori, non altrettanto buona fu la sua prova di incisore, per cui l'esito di detto concorso fu dichiarato nullo. Esistono comunque medaglie in cui figura la sua firma: in particolare quella che ricorda le nozze d'argento di Umbero I e Margherita di Savoia, coniata nel 1893.

NOVATI GIOVANNI

1776
Ics
Ics
Incisore piacentino attivo intorno al 1630. Lavorò al servizio del Duca Ranuccio II Farnese, insieme con Michelangelo Spiga, e forse in precedenza per Francesco I d'Este.

NOVELLINO FRANCESCO

1655
Ics
Ics
Medaglista attivo nella seconda metà  del XVI secolo. Le sue iniziali F.N. figurano su medaglie, che gli vengono attribuite, di Papa Gregorio XIV e Filippo II Re di Spagna.

NOVELLO GUGLIELMO

1712
Ics
Ics
Incisore di conii di monete all'inizio del '400, citato da G. Sambon, nel suo studio sulla moneta napoletana, insieme con Nicolò Rispolo.
iten

Medaglisti e Incisori