iten

Artista

GAMEC
SUCC. 2005:

RADZWILL MARIA LUISA

1593
Ics
Ics
Benchà© straniera di origine, è sempre vissuta a Roma, dove ha anche compiuto i suoi studi. Fin da giovane ha dimostrato notevole capacità  nell'arte della scultura. Dal 1974 è stata presente in importanti rassegne in Italia e all'estero. Nella sua attività  di medaglista rientra una serie di pezzi, eseguiti per la FAO.

RAGGIO TEOFILO

1706
Ics
Ics
Scultore attivo intorno alla metà  del XX secolo. Medaglie, eseguite su suoi modelli, sono segnalate nella relazione della Zecca Italiana per gli anni 1958-1959.

RAIBOLINI FRANCESCO detto IL FRANCIA

1742
Ics
Ics
Nato a Lavino di sopra, in provincia di Bologna, circa nel 1450, orafo, pittore e incisore di conii. Secondo il Vasari fu particolarmente eccellente nel preparare i conii per le medaglie, e fu quasi certamente a capo della Zecca di Bologna all'epoca di Giovanni II Bentivoglio. Visse e operò nella cerchia bentivogliesca e ritrasse Giovanni II e tutta la sua famiglia in un celebre dipinto. Per il periodo successivo al 1508, non vi sono dubbi, come attestano i documenti, che abbia eseguito i conii per le monete di Giulio II della Zecca bolognese, in particolare quelle con il ritratto del Papa. Riguardo alle medaglie, quelle che vanno sotto il suo nome appartengono probabilmente alla sua scuola. Morì a Bologna il 5 gennaio 1517.

RAINALDI OLIVIERO

1719
Ics
Ics
Nato a Caramanico Terme, in provincia di Pescara, nel 1956. E' presente in numerose esposizioni in Italia e all'estero. Sue opere si trovano in collezioni pubbliche e private. Ha tra l'altro eseguito i modelli per la medaglia dedicata a Maria, Madre della Chiesa, che fa parte della serie di coniazioni commemorative del Grande Giubileo dell'Anno 2000. Vive e lavora a Roma.

RAINER MARTIN

1806
v
Ics
Originario della Val Senales, in provincia di Bolzano, dove è nato nel 1923, si è poi trasferito a Bressanone. Ha coltivato a lungo nel cuore la passione per la scultura ed ha dapprima lavorato in Val Gardena, presso i maestri intagliatori del legno. Ha poi frequentato l'Accademia di Belle Arti di Monaco di Baviera. Ha realizzato le sue sculture in pietra, in bronzo, in legno, in rame sbalzato. Ha eseguito le sue prime medaglie nel 1977 e ne ha poi modellato circa una ventina.

RAMBELLI DOMENICO

1837
Ics
Ics
Nato a Pieve Cesato, in provincia di Ravenna, nel 1886. Giovanissimo, lavora in una bottega di ebanista; in seguito è ammesso alla Scuola d'Arte e Mestieri di Faenza, per poi completare la sua formazione artistica all'Accademia di Firenze. Si orienta principalmente verso la statuaria monumentale, eseguendo commissioni pubbliche tra cui il monumento ai caduti di Viareggio e il monumento a Francesco Baracca a Lugo di Romagna. Autore inoltre di busti, ritratti è stato anche medaglista. Presente in numerose esposizioni, in particolare alla Biennale di Venezia. E' morto nel 1972.

RAMELLI BENEDETTO

1597
Ics
Ics
Artista nato a Ferrara, modellatore e incisore di pietre preziose. Fu chiamato al tempo del Cellini, alla corte di Francesco I Re di Francia che ritrasse in medaglia nel 1538.

RANCETTI GIORGIO

1725
Ics
Ics
Orafo e medaglista. Nato a Firenze nel 1550 circa. Lavorò prima a Firenze per la corte medicea, poi a Roma dove nel 1594 fu nominato incisore della Zecca. Rimase in questo ufficio fino al 1611, anno della sua morte. Ci rimangono di lui numerose medaglie di Clemente VIII e di Paolo V.

RANDO ANTONINO

1710
Ics
Ics
Nato nel 1946 a Bagnara Calabra in provincia di Reggio Calabria. Ha conseguito il diploma di Maestro d'Arte presso l'Istituto Statale d'Arte di Messina, perfezionandosi poi nella scultura all'Accademia di Brera a Milano. In seguito si è specializzato nei lavori di oreficieria ed ha anche realizzato modelli per medaglie. Vive e lavora a Bergamo.

RANIERI

1686
Ics
v
La firma di questo scultore appare su una medaglia, di grande modulo, fatta realizzare dalla Colonia Italiana del Nord America nel 1932 per ricordare il Decennale della Rivoluzione Fascista. E' citata da G. F. Casolari nel volume "25 Anni di Storia 1922-1945".

RANZI ANGELO

1758
Ics
Ics
Nato a Forlì nel 1930. Ha conseguito il diploma di perito chimico presso l'Istituto Tecnico della stessa città . Inizia a dipingere nel 1945 come autodidatta e poi continua sotto la guida del pittore G. Mandolesi. La sua prima personale è del 1957. Da allora ha partecipato a numerose esposizioni, presentando varie tecniche pittoriche: olio, monotipo, acquerello. Ha eseguito numerose acqueforti, litografie, xilografie, ha illustrato diversi volumi ed ha modellato un discreto numero di medaglie. Vive e lavora a Forlì.

RAPP CARLO

1662
Ics
Ics
Artista novarese attivo nel XX secolo. Nel corso della sua attività  si è dedicato alla grafica, alla scultura, all'esecuzione di vetrate. E' stato segnalato anche come autore di modelli per medaglie.

RAVASCHIERI GERMANO

1566
Ics
Ics
Direttore della Zecca di Napoli al tempo di Filippo II. Il Forrer ipotizza che alcuni degli stampi per monete, eseguite sotto la sua responsabilità , possano essere stati incisi direttamente da lui. Prima di lui lo stesso incarico fu tenuto dal padre Giovanni Battista (1525 – 1560).

RAVIZZAL PIETRO

1600
Ics
Ics
Incisore che risulta attivo a Venezia, dove lavorò nell'ambito della Zecca. E' , tra l'altro, l'autore di conii della medaglia eseguita in occasione dell'alleanza stipulata fra la Repubblica di Venezia e le tre leghe dei Grigioni svizzeri (1706). Morì nel 1744.

RECCHIONI PIERANGELINI SILVANA

1776
Ics
Ics
Nata a Roma, dove vive e lavora. Si è diplomata in scenografia all'Accademia di Belle Arti romana e contemporaneamente ha studiato scultura con M. Guerrisi. Ha insegnato per lunghi anni. Numerose le sue partecipazioni a rassegne e collettive sia in Italia che all'estero. Ha tenuto molte personali in diverse città  italiane. Ha esposto, dal 1990, a mostre indette dall'AIAM. Sue opere figurano in collezioni pubbliche e private.

REDUZZI CESARE

1791
Ics
Ics
Scultore nato a Torino nel 1857. Frequentò l'Accademia Albertina, della quale divenne più tardi, nel 1878, insegnante. Autore di importanti monumenti, espose più volte con successo a Torino, Milano, Venezia e Roma. Ha eseguito modelli per medaglie. Tra esse figura quella offerta a Giovanni Giolitti, nel XXV della sua attività  politica. Sue opere sono conservate in Gallerie e collezioni private e pubbliche. E' morto nel 1911.

REFATI TIMOTEO

1672
Ics
Ics
Frate mantovano, fu modellatore, medaglista e disegnatore. Appartenendo ad un ordine religioso, ritrasse in medaglia alcuni suoi confratelli e fece anche il suo autoritratto. Lavorò anche per il Granduca di Toscana. La sua attività  si colloca circa alla metà  del XVI secolo.

REGA FILIPPO

1638
Ics
Ics
Famoso incisore di gemme, nato a Chieti nel 1761. Seguì la famiglia dapprima a Napoli, poi a Roma, ed ancora a Napoli dove, nel 1787, realizzò il suo primo importante lavoro di intagliatore, per il Re delle due Sicilie. In seguito e fino alla sua morte (1833) svolse un ruolo di grande rilievo alla Zecca di Napoli dove diresse molti incisori nella creazione di medaglie, sulle quali pertanto figura spesso anche il suo nome seguito dall'abbreviazione INV. (inventò) o DIR (diresse).

REGGIANI CAMILLO

1540
Ics
Ics
Incisore che lavorò a Roma nel XIX secolo. Il Bartolotti cita sue medaglie eseguite al tempo di Pio IX tra il 1854 e il 1857.

RENKA DAVID

1751
v
Ics
Nato ad Athens, in Geòrgia, nel 1952; residente a Roma a partire dal 1974. Ha frequentato la Scuola dell'Arte della Medaglia dal 1976 al 1979. Oltre ad un discreto numero di medaglie ha eseguito anche modelli per monete (Repubblica di San Marino 1996). Ha partecipato a numerose esposizioni nazionali e internazionali di settore. Sue opere sono nella collezione British Museum a Londra e presso collezionisti privati.

REPETTATI FRANCESCO

966
Ics
v
Autore della medaglia per l’Esposizione Operaia Italiana, Torino 1890, il cui attrezzamento fu offerto gratuitamente al comitato organizzatore della società “La Libertà”. La segnalazione è di S. Pennestri, nel volume “Memorie di Torino”, che al riguardo di tale coniazione riporta quanto segue: “Si stabilì che le medaglie fossero tutte di un metallo unico, al fine di largheggiare nella distribuzione e solo successivamente, dorate, argentate o bronzate dalla Giuria a secondo della necessità.

REPOSSI PIERO

1634
Ics
Ics
Nato nel 1902 a Chiari in provincia di Brescia. Autore di statue, busti, opere di genere. Citato dal Pialorsi quale autore di medaglie, nell'arco di tempo 1930-1960.

RESCALDANI ANTONIO

1835
Ics
Ics
Scultore lombardo, diplomatosi all'Accademia di Brera nella prima metà  del XIX secolo. Autore di numerosi monumenti funebri per il Cimitero Monumentale di Milano. E' stato anche presente in Esposizioni importanti tra cui la Biennale di Venezia. Il suo nome è segnalato anche su medaglie presenti nelle civiche raccolte dal Comune di Milano. E' morto a Milano il 5 agosto 1863.

RESTELLI ANGELO

1830
Ics
v
Incisore attivo a Torino nella seconda metà del XIX secolo. E' ricordato come autore, tra le altre, delle medaglie per l'apertura del traforo del Moncenisio e della ferrovia Torino - Rivoli (1871), per il monumento a Cavour (1873) per l'Associazione generale degli Operai di Torino (1878). Segnalato da Marco Albera anche come autore di medaglie dedicate a Gianduja, tipica maschera torinese, realizzate tra il1870 e il 1885.

RESTELLI MARIO

2213
Ics
Ics
Scultore lombardo attivo nel XX secolo. Autore di piccoli bronzetti, busti e ritratti. E' stato presente in diverse esposizioni: tra l'altro ha partecipato alla prima Mostra Nazionale della Medaglia, tenutasi a Roma nel 1938 presentando medaglioni di carattere sacro e alcuni ritratti. Sue opere si trovano in Gallerie pubbliche e in collezioni private.

RIAVIS GUGLIELMO

1842
Ics
Ics
Nato nel 1917 a Klagenfurt in Austria. Ha studiato a Venezia, dove si è laureato in architettura nel 1946. Affermatosi giovanissimo, come pittore, grafico cartellonista, più tardi, a Gorizia, ha fatto parte per quindici anni della Commissione Edilizia comunale e poi di quella per l'Arte Sacra dell'Arcidiocesi goriziana. La sua firma figura anche su diverse medaglie, di cui citiamo quella per la Pro Loco di Gorizia del 1972. E' morto nel 1987.

RIBALDI SILVIA

1672
Ics
Ics
Residente a Roma. Ha frequentato la Scuola dell'Arte della Medaglia a Roma. Ha partecipato ad esposizioni di settore in Italia e all'estero. Autrice tra l'altro della medaglia calendario dell'I.P.Z.S., per l'anno 1993, della medaglia della Facoltà  di Ingegneria dell'Università  di Tor Vergata nel 1994, della medaglia che ricorda il completamento della copia della statua equestre dell'Imperatore Marco Aurelio nel 1997, realizzazione alla quale ha anche collaborato personalmente.

RICCà’ FELICE

1528
Ics
Ics
Nacque a Modena nel 1817 e fece i primi studi nell'Accademia Atestina di Belle Arti della sua città . Fu orafo e incisore. Nel 1847 aprì a Modena un laboratorio di oreficeria, associandosi dapprima con un certo Giovanni Borsari, poi con Tommaso Rinaldi. Preparò i conii per una medaglia che i Gesuiti intendevano distribuire ai loro migliori alunni nel Collegio di S. Chiara. La sua attività  di medaglista fu quindi occasionale. Morì a Modena nel 1894.

RICCI ANTONIO

1644
Ics
Ics
Nato a Chiari in provincia di Brescia il 18 agosto 1859. Scultore, docente di disegno e modellazione. Autore di busti, ritratti, opere di genere, la sua firma è segnalata anche su medaglie. E' morto il 26 febbraio 1939.

RICCI FRANCO

1608
Ics
Ics
Citato da M. Bellucci, nel volume "Medaglie perugine dal XV al XX secolo", e da altre pubblicazioni, quale autore di medaglie. Risulta abbia operato in Firenze, durante il XX secolo, anche come fonditore.

RICCI PAOLO EMILIO

1650
Ics
Ics
Nato ad Arquata Scrivia, in provincia di Alessandria, nel febbraio 1944. Professore di matematica all'Università  " La Sapienza" di Roma. Autodidatta nel campo artistico, sue medaglie erano presenti alla settima Triennale d'Arte di Udine nel 1999 e alle mostre internazionali della FIDEM, nel 2000 a Weimar e nel 2002 a Parigi. Risiede a Roma.

RICCIALDI M.

1576
Ics
Ics
Citato con V. Serra , quale autore di medaglie commemorative dell'Anno Santo 1975 emesse dalla Zecca Italiana, come risulta dalla Relazione Ufficiale per gli anni 1974/75.

RICHINO

1668
Ics
Ics
Architetto attivo nel XX secolo. Segnalato dalla rivista "Medaglia" quale autore della medaglia coniata nel 1970 per l'inaugurazione della nuova sede del quotidiano "La Prealpina" di Varese.

RICOTTINI WULMAN

4496
v
Ics
Scultore nato a Sanseverino Marche nel 1908. Abile ritrattista si è dedicato saltuariamente anche alla medaglistica. Tra l'altro, nel 1991, ha eseguito i modelli per la medaglia offerta a Giovanni Paolo II, in occasione della sua visita a S. Severino Marche ed a Camerino. Sue opere si trovano in collezioni pubbliche e private. E' morto nel 1991.

RIGHETTI ANGELO

2239
Ics
Ics
Nato a Brescia nel febbraio del 1900. Iniziato il lavoro con il padre, noto scultore in legno d'arte sacra, ha studiato all'Accademia di Belle Arti Cignaroli di Verona. Dal 1925 al 1931 ha insegnato alla Scuola Superiore d'Arte Sacra Beato Angelico di Milano, come titolare della sezione scultura. Ritornato poi a Brescia, si è segnalato in una intensa attività  espositiva, in cui ha ottenuto lusinghieri successi, specie alla Biennale di Venezia dove è stato presente per ben cinque volte. Dopo la guerra si è dedicato in particolare alla ritrattistica. Molte le sue medaglie di soggetto sacro e profano. E' morto nel 1972.

RIMONDINI UMBERTO

1769
v
Ics
Nato a Castelguelfo (Bologna) nel 1898. Ha frequentato la Scuola d'Arte di Bologna e la Scuola dell'Arte della Medaglia a Roma. Scultore e medaglista ha ottenuto borse di studio e premi per la medaglistica, la scultura ed il disegno. Ha esposto in Italia e all'estero in varie mostre d'arte. Sue opere figurano, tra l'altro, al medagliere del Castello Sforzesco di Milano, al British Museum di Londra, al Museo della Repubblica di S. Marino, al Museo Nazionale di Atene, al Museo Nacional de la Moneda di Madrid.

RINALDI MARIO

1576
Ics
Ics
Nato all'Impruneta (Firenze) il 2 maggio 1944. Si diploma all'Istituto d'Arte di Firenze e diventa allievo di Gastone Picchiani, specializzandosi nell'incisione diretta su acciaio. Capo incisore della ditta Picchiani e Barlacchi, le sue medaglie sono numerose e significative. Ha partecipato ad esposizioni medaglistiche in Italia e all'estero. Sue opere sono in collezioni pubbliche e private.

RINALDI TOMMASO

1661
Ics
Ics
Nacque a Villa S. Caterina, nei pressi di Modena, nel dicembre 1814. Riuscì ben presto ad acquistare una notevole abilità  nell'arte dell'oreficeria, segnalandosi specialmente come cesellatore. Come medaglista, tra l'altro, nel 1847, vinse il concorso indetto dalla Società  di Incoraggiamento per le Belle Arti di Modena per una medaglia da distribuire agli artisti che si distinguevano nelle esposizioni da essa promosse. Morì a Modena nel 1877.

RINZI GIACOMO

1656
Ics
Ics
Artista attivo nel XIX secolo. Autore tra l'altro di una medaglia per l'Arcivescovo di Milano Bartolomeo Romilli, che ricorda il suo ingresso in città  il 5 settembre 1867. Per lo stesso avvenimento esiste un'altra medaglia firmata C. Castiglioni.

RIOSA FABIOLA

1631
Ics
Ics
Residente a Roma. Ha frequentato la Scuola dell'Arte della Medaglia. Ha realizzato, tra l'altro, il modello della medaglia-calendario dell'I.P.Z.S. dell'anno 1985, ed altri esemplari per committenti privati. Ha partecipato ad esposizioni medaglistiche, con pezzi fusi e coniati.

RIVA ELI

1657
Ics
Ics
Nato a Ravenna il 21 novembre 1921. Dimostra spiccate attitudini al disegno e inizia l'apprendistato presso un artigiano orafo locale. Fin da giovanissimo partecipa ad esposizioni e concorsi, ricevendo riconoscimenti a livello nazionale. Alla fine del secondo conflitto mondiale si trasferisce a Milano dove completa la sua formazione artistica. Nella sua intensa e lunga attività  è stato sempre portato alla ricerca di nuove forme e allo sviluppo di temi originali. Tra l'altro, ha modellato la medaglia che ricorda la visita del Santo Padre a Como. Sue opere si trovano in collezioni pubbliche e private. Vive e lavora a Como.

RIVA GIOVANNI

1718
Ics
Ics
Scultore torinese, nato il 20 novembre 1890. Inizialmente lavora, come artigiano ebanista, in una ditta di arredi sacri. Studia contemporaneamente alle scuole serali municipali di disegno, e frequenta l'atelier di Leonardo Bistolfi, artista con il quale rimane in contatto per molti anni. Negli anni venti, per la fabbrica Lenci di Torino, realizza numerosi modelli per i visi delle bambole e una ceramica. Autore di statue, busti, fontane, espose, tra l'altro, alla Biennale di Venezia nel 1939 e nel 1942. La sua firma figura inoltre su una medaglia, del Comando di Corpo d'Armata di Torino, che riproduce il monumento ad Emanuele Filiberto. E' morto nel dicmbre 1973.

RIVA UGO

1675
v
Ics
Nato a Bergamo nel 1951. Dopo una breve esperienza pittorica, dal 1977 si è dedicato esclusivamente alla scultura, privilegiando la terracotta policroma. E' stato presente in numerose esposizioni. La sua prima personale è del 1978 a Bergamo, seguita da molte altre, non solo in Italia ma anche in Olanda, Svizzera, e Canada. Altrettanto significativa la partecipazione a collettive ed a concorsi dove ha ottenuto importanti riconoscimenti. Sue opere si trovano in collezioni pubbliche e private. Ha anche modellato diverse medaglie, per associazioni, circoli, enti privati. Vive e lavora a Bergamo.

RIVADOSSI GIUSEPPE

1741
v
Ics
Scultore nato a Monteclana di Nave, in provincia di Brescia, l'8 luglio 1935. Numerose sono le esposizioni personali, in significative gallerie d'arte e in sedi pubbliche, in Italia e all'estero. Ha eseguito anche modelli per medaglie, tra l'altro, quello per la coniazione ufficiale di "Pulchra Ecclesia 2002".

RIVALTA CARLO

1724
Ics
Ics
Nato a Firenze nel febbraio del 1887. Figlio dello scultore Augusto, ha studiato, sotto la sua guida, all'Accademia fiorentina di Belle Arti, nella quale è poi divenuto titolare della cattedra di scultura. Molto attivo, la sua presenza non è mai mancata alle più importanti manifestazioni artistiche in Italia, soprattutto a Firenze, Roma, Genova, Venezia. E' ricordato anche come autore di modelli per medaglie. E' morto nel 1941.

RIVERA GUIDO

1764
Ics
Ics
Incisore citato dal G. Crocicchio, quale esecutore dei conii e punzoni per monete di Ranuccio II Farnese, insieme con G. Gualtieri. Negli anni dal 1677 al 1685, gli fu affidata anche la conduzione della Zecca di Piacenza insieme con Siro Ratti.

RIZZI ANGELO

1696
Ics
v
Scultore attivo nella prima metà del XIX secolo. Citato come autore della medaglia, incisa da Luigi Ferrari, a Venezia e distribuita dall'Imperatore d'Austria Francesco I e dalla moglie Carolina Augusta, agli artisti veneti che offrirono doni d'Arte per festeggiare le loro nozze.

RIZZI ROBERTO

1634
Ics
Ics
Nato nel 1946, residente a Udine. Diplomato Tecnico, ha esposto in varie personali e collettive; in particolare, come medaglista, alla Triennale della Medaglia di Udine, presentando esemplari in ottone cromato e incisi. Sue opere figurano in collezioni italiane e straniere.

RIZZO ANTONIO

1690
Ics
Ics
Architetto e scultore attivo nel XV secolo. D'origine veronese gli viene attribuita tra l'altro l'esecuzione di una placchetta per Vettore Cappello, personaggio di spicco nella storia di Venezia dal 1439 al 1467.

RIZZOLI PASQUALE

1587
Ics
Ics
Nato a Bologna nel 1871. Dopo aver frequentato l'Accademia Artistica Bolognese, iniziò la sua attività  con opere realiste a sfondo sociale. Acquistò grande rinomanza con il suo monumento "Il Popolano" eretto in Bologna nel 1903, per commemorare le vittime dei moti dell'8 agosto 1848. Autore di numerosi monumenti sepolcrali. La sua firma figura anche su medaglie. E' morto a Bologna nel 1953.
iten

Medaglisti e Incisori