iten

MESSINA FRANCESCO

1412
v
Ics
Nato a Linguaglossa in provincia di Catania nel 1900. A Genova, dove la famiglia poverissima si era trasferita, apprende il mestiere della scolpitura, nei laboratori del marmo, frequentando anche l'Accademia Ligustica di Belle Arti. Completa poi la sua preparazione visitando i maggiori Musei d'Europa. Nel 1922 partecipa per la prima volta alla Biennale di Venezia e tra il 1926 e il 1929 è presente alla grande mostra del Novecento a Milano, città  dove si trasferisce definitivamente nel 1932. Nel 1934 ottiene la Cattedra di scultura all'Accademia di Brera, incarico che ricoprirà  quasi ininterrottamente sino al 1969. La sua attività  espositiva continua sempre molto intensa, con presenze a grandi mostre collettive d'arte italiana, in patria e all'estero. Sono emblematici nella sua arte i ritratti, in bronzo e in terracotta policroma, i cavalli, le danzatrici, i soggetti religiosi e mitologici. Suoi monumenti adornano, nel tempo, piazze, chiese e ville. Sono notissimi il monumento a Pio XII in S. Pietro, quello di Caterina da Siena a Roma, il cavallo della RAI a Roma, la via Crucis a S. Giovanni Rotondo. A Milano, tra l'altro, restaura la Chiesa di S. Sisto che diviene per volontà  del Comune, nel 1976, il Civico Studio-Museo Francesco Messina. Sue opere si trovano, anche per donazione, in musei europei ed americani e nelle più prestigiose collezioni private. Nel corso del suo incessante lavoro, ha creato modelli per una quarantina di medaglie e placchette, che rispecchiano la sua arte incomparabile. E' morto nel settembre del 1995 a Milano.

Artista presente nella collezione di medaglie della GAMEC (galleria d'arte moderna e contemporanea) di Bergamo

iten

Medaglisti e Incisori